Cosa fare in caso di digestione lenta: sintomi e rimedi

La digestione lenta è un disturbo piuttosto comune e fastidioso. Ne soffre circa un terzo della popolazione italiana e può portare a conseguenze piuttosto pesanti anche nella vita quotidiana. Pesantezza, gonfiore, sonnolenza, rallentamento dei riflessi, mancanza di concentrazione e nervosismo sono solamente alcune delle conseguenze che può portare questo cattivo funzionamento del nostro organismo. Tutti questi atteggiamenti, poi, ci rendono la vita pesante e difficile da gestire. Per questo occorre cercare di porre rimedio a tutti questi problemi, iniziando dalla cura del nostro corpo.

Uno dei motivi che ci portano alla cattiva digestione riguarda ovviamente ciò che mangiamo. Non ci riferiamo, però, ai singoli componenti dei nostri pasti, bensì al loro insieme e al modo in cui li combiniamo. Le proteine, ad esempio, andrebbero consumate unicamente con verdure fresche e non con amidi come pane, cereali e patate. Credete che la vostra stanchezza potrà trovare conforto in un hamburger con patatine? Dolente, ma non è così. I carboidrati non dovrebbero mai essere associati a cibi acidi come i kiwi, mentre vanno benissimo con i lipidi come olio e burro. Questi ultimi, però, non andrebbero mai associati con le proteine.


Leggi anche: Il Segreto, anticipazioni settimanali dal 20 al 25 aprile

In generale non bisogna mai esagerare con grassi, fritture, sostanze irritanti come caffeina e alcool e, infine, importantissimo è masticare bene e lentamente. Potreste trovare sollievo con qualche tisana, soprattutto quelle di arancia amara, anice stellato, menta piperita ed alloro, ma una buona gestione dei cibi e un comportamento alimentare sano è quanto di più si possa chiedere per far sentir bene il nostro stomaco.

Cosa fare in caso di digestione lenta: sintomi e rimedi

Foto: Patrizia Miceli