Bicarbonato: il digestivo casalingo

Arianna Preciballe
  • Laureata presso il NID - Nuovo Istituto Design

Se siete in cerca di un digestivo efficace da preparare a casa, il bicarbonato può venire in vostro aiuto. Si può bere o mangiare? È rischioso oppure può essere assunto da tutti?

Bicarbonato: il digestivo casalingo

Come preparare un digestivo fatto in casa con il bicarbonato? Se dopo un abbondante pasto vi sentite appesantiti e non riuscite a digerire, può tornare utile la ricetta per preparare un veloce ed efficace digestivo.

Ingredienti per un digestivo fai da te al bicarbonato

Bicarbonato: il digestivo casalingo

  • 1/2 limone
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1 bicchiere d’acqua

Procedimento

In un bicchiere d’acqua (da preferire a temperatura ambiente) spremere mezzo limone ed aggiungere un cucchiaino di bicarbonato di sodio. Girare il tutto per bene, fin quando non si sarà formata una schiuma bianca.

Bere immediatamente per far sì che non perda la sua efficacia e per non assaporare a lungo il gusto non tanto piacevole.

I risultati sono percepibili nell’immediato, vi sentirete subito risollevate e la digestione sarà subito riattivata.

Proprietà e Controindicazioni del bicarbonato

Il bicarbonato oltre a favorire la digestione ha un’azione sbiancante per i denti e decongestiona le gengive infiammate, combatte l’alitosi,  abbassa il potassio nel sangue (combatte l’iperkalemia) e calma i bruciori di stomaco e di acidità.

Il bicarbonato o carbonato acido di sodio ha 0 calorie e non apporta altro che sodio 27 mg per 100 g di bicarbonato.

Da evitare l’assunzione direttamente dopo i pasti in quanto riduce la quantità di acido cloridrico e quindi rallenta la digestione.

Il bicarbonato si può bere in soluzione ed è commestibile, infatti il nostro organismo produce bicarbonati che ritroviamo anche nella nostra saliva, ma l’aumento delle quantità in maniera smodata, gli abusi e l’apporto quotidiano esterno possono avere effetti indesiderati quali vomito, crampi, formazioni di gas allo stomaco, mal di testa.