Cardiopatia: sintomi

cuore in anatomia

Saper riconoscere i primi sintomi, o meglio, le prime avvisaglie di una cardiopatia è di una importanza che si potrebbe definire strategica.

Le patologie cardiovascolari, quelle fondamentalmente legate all’aterosclerosi e quindi alla formazione della placca che va ad ostruire le arterie e le coronarie, nelle loro prime fasi, decorrono in maniera silente, sono per lo più del tutto asintomatiche, e quindi un bel giorno si corre il rischio di svegliarsi in piena notte con una sensazione di angoscia incontrollabile, seguita subito dopo da un acuto dolore toracico: l’infarto.

Eppure l’organismo manda sempre qualche piccolo segnale, accende sempre qualche spia che però, il più delle volte, viene scambiato per un malessere passeggero, legato semmai allo stress o ad un colpo di freddo, o ad una digestione difficile.

Nessuno pensa mai che un evento del genere possa capitare  a se stesso, soprattutto se in buona salute, almeno apparentemente, e nel pieno della proprie forze.

Se poi a questo si aggiunge una età relativamente giovane, intorno ai 40 anni, mai si andrà a pensare che quel doloretto di stomaco che compare all’improvviso senza un apparente motivo e che altrettanto improvvisamente scompare, possa riferirsi ad un dolore coronarico.

infarto al cuore

E invece il problema potrebbe proprio essere quello.

Quindi, è importante sempre stare con le orecchie ritte, pronte a cogliere il ben più minimo rumore, diciamo così, soprattutto se poi si è un soggetto a rischio, quindi fumatore, stress, colesterolo alto e familiarità.

Tra i tanti piccoli campanelli d’allarme, la comparsa di quel doloretto che si diparte dal gomito e corre lungo la parte inferiore del braccio fino alla punta del mignolo.

Non è detto che sia il vento preso attraverso il finestrino aperto dell’auto, visto che potrebbe essere un dolore coronarico.

Così come quel doloretto che corre lungo la parte inferiore della mandibola fino al mento, o il fiato corto se si fanno un po’ di metri a passo più vivace del solito, o quella strana, ma passeggera sensazione di fastidio al collo.

Sono tutte piccole spie rosse che si accendono e che non bisogna far finta di non vedere.

Un simile comportamento potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte.