Cataratta: cause, sintomi e cura

cataratta oculare

La cataratta è una malattia del cristallino che è composto da una base di acqua e proteine, causata dalla progressiva formazioni di agglomerati di proteine che, gradatamente, rendono la visione non più chiara, ma via via sempre più offuscata.

Il cristallino è la parte dell’occhio  deputata a mettere a fuoco le immagini sulla retina ed è di tutta evidenza che un cristallino reso opaco, ben difficilmente sarà in grado di svolgere adeguatamente il proprio compito.

In presenza di cataratta, davanti alla pupilla farà la sua comparsa un biancore, una sorta di velo formato dagli agglomerati di fibre proteiche degradate che impediranno di fatto la visione.


Leggi anche: Un Posto al Sole: Anita (Ludovica Bizzaglia) confessa la malattia

Una cataratta non porterà mai alla cecità completa, ma certamente ad una visione fortemente compromessa, anche se si possono verificare casi di una pseudocecità, tuttavia molto rari, dal momento che è improbabile che si arrivi ad una simile condizione senza aver fatto alcunché.

Le cause della cataratta

Le cause della formazione della cataratta non sono del tutto note, tuttavia si sa per certo  che, tra i principali fattori di rischio, oltre alla familiarità, ci sia il fumo, il diabete, malnutrizione e, ovviamente, l’avanzare dell’età.

Di contro, con alcuni comportamenti legati allo stile di vita, è possibile ridurre notevolmente il rischio di incorrere in questo problema.

cataratta

Una dieta ricca di fibre, frutta, verdura color giallo e arancione, oltre alla classica verdura a foglia verde, tutti alimenti ricchi di carotenoidi molto importanti per la salute degli occhi, è in grado di dare una certa protezione.

A questi si aggiunge il mirtillo nero, dalle note virtù e, ovviamente, l’astensione dal fumo, anche quello passivo.

I sintomi della comparsa della cataratta e la cura

I primi sintomi della formazione di una cataratta sono alquanto sfumati e, del resto, la degenerazione procede con una certa lentezza.

Nelle prime fasi sarà possibile risolvere il problema facendo ricorso a lenti correttive, ma poi la sola via possibile, del resto totalmente risolutiva, è l’intervento di chirurgia oftalmica per la rimozione del cristallino danneggiato che verrà sostituito con una lente intraoculare.


Potrebbe interessarti: Luca Onestini mostra la sua malattia su Instagram