Come trovare la serenità e cambiare lo sguardo sul mondo

Siamo noi a scegliere quotidianamente il livello di energia con il quale vivere la nostra vita, se farci condizionare eccessivamente dal nostro passato e da ciò che ci succede intorno, o se dare un nuovo significato a tutto e vivere meglio.

#29-1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ognuno di noi ha vissuto esperienze più o meno dolorose e traumatiche, ma continuare a portarci dietro quella sofferenza serve solo a mettere un freno alla nostra evoluzione.

Ci saranno sempre nuove difficoltà da superare e nuovi dolori da vivere, basta imparare a passarci attraverso con i giusti strumenti e, soprattutto, con la giusta consapevolezza di sé, imparando a dargli un valore diverso dalla sola inutile sofferenza che diventa la nostra palla al piede al fondo di una lunga catena.

Il dolore trova una sua umana spiegazione solo nel momento in cui lo convertiamo in qualcosa di buono, in amore (soprattutto per noi stessi), in sollievo per qualcun altro che magari in questo momento sta vivendo quello stesso momento di buio e di incertezza.


Leggi anche: Sonia Lorenzini, intervista esclusiva: tra GF Vip e un progetto in Van

C’è sempre una lezione da imparare

#29-22

Chiediti cosa ti ha lasciato quell’esperienza, oltre al dolore, cosa di nuovo hai imparato su di te e sulla vita…perché c’è sempre una lezione da imparare dietro ad ogni fallimento o passo falso e la vita non smette mai di riproporci quella situazione, ancora e ancora, fino a quando non avremo imparato la lezione, fino a quando non avremo capito su cosa ancora dobbiamo lavorare per interrompere quel copione già scritto.

È faticoso si, ma utile e fondamentale, perché piangersi addosso e rimare fermi non è mai una soluzione, è solo un modo per essere inghiottiti dal problema.

Non si tratta solo di imparare a rialzarsi dopo una caduta, ma di capire che abbiamo tutti la possibilità di cambiare il nostro sguardo verso la vita, il nostro modo di approcciare ad essa senza essere schiacciati e imprigionati dalla paura, rimanendo aperti ad accogliere ed accettare tutte le facce di questa vita, pronti a meravigliarci ogni giorno come bambini e ad emozionarci.

Come guardi a te stesso

Per cambiare il nostro modo di guardare al mondo bisogna prima di tutto cambiare il modo di parlare e guardare a noi stessi, conoscerci a fondo e accettare la nostra parte più profonda, il bambino che è in noi e che si nasconde perché ha sofferto e oggi ha paura.


Potrebbe interessarti: Una Vita, anticipazioni dal 30 marzo al 5 aprile: Celia muore?

Impariamo a mettere in discussione tutte le nostre convinzioni che ci bloccano, creiamo confusione per poi dare un nuovo ordine alle cose, con più serenità.

Perché solo se chi è in pace con sé stesso può essere in pace con gli altri e il mondo che lo circonda.