Desiderio o Bisogno: ciò che desideriamo è davvero ciò di cui abbiamo bisogno?


Ciò che desideriamo è sempre ciò di cui abbiamo bisogno? La nostra energia si sposta in funzione della nostra attenzione: impariamo a dare alle cose il giusto valore e la giusta priorità nella nostra vitabambino desiderio luina


A volte desideriamo così tanto e ardentemente qualcosa o qualcuno, che ci sembra di non poter vivere senza. In realtà non ci fermiamo mai a domandarci se ne abbiamo davvero bisogno per vivere bene o se siamo soltanto attaccati all’idea che ci siamo fatti di quella cosa o di quella persona.

L’importanza delle parole

desideriol-bisogno-foto-haut-risque-da-unsplash-668473.660×368

Spesso usiamo i due termini Desiderio e Bisogno come se fossero sinonimi, come se le due sensazioni avessero la stessa origine dentro di noi.

In realtà il bisogno nasce da una mancanza fisica oggettiva, mossa dal nostro spirito di sopravvivenza. Bisogno di mangiare, bisogno di dormire, bisogno di bere, di muoversi, il cui non  soddisfacimento provoca in noi uno stato negativo di malessere fisico.


Leggi anche: Diletta Leotta ha bisogno di coccole, ma non di Toretto

Il desiderio invece nasce da uno stato mentale ed emotivo, dall’appagamento dell’ego che chiede di essere soddisfatto attraverso l’oggetto del nostro desiderio.

Per questo è fondamentale capire da quale parte di noi viene la richiesta “io voglio”.  Proprio perché l’universo è molto attento al nostro tipo di vibrazione e di richiesta.

Dove metti la tua attenzione

“Dove metti la tua attenzione lì va la tua energia” e succede proprio questo quando ci concentriamo su ciò che ci manca, su ciò che desideriamo così tanto da trasformarlo inconsciamente in un bisogno.

Proviamo invece a spostare lo sguardo e a dare il giusto valore a quella cosa o persona…davvero senza non possiamo vivere? Senza quel paio di scarpe ci sentiamo meno belle e attraenti? Realmente in assenza di quella persona valiamo di meno e perdiamo la considerazione di noi stessi?

Facciamo un passo indietro e diamo alle cose il giusto valore e la giusta priorità nella nostra vita; osserviamo noi stessi e poniamoci le giuste domande per non diventare emotivamente schiavi di un’idea, di uno scherzo della mente, che non ci fa stare sereni, perché non saremo mai appagati se cercheremo all’esterno ciò che fa bene a noi.

Quando le cose che non possediamo diventano più importanti di quelle che possediamo, rischiamo di farci trascinare da un cavallo imbizzarrito, pungolati dall’ansia e da una perenne insoddisfazione.

Cosa vuoi per te?

Solo facendo a noi stessi questa domanda riusciremo davvero a focalizzarci sui nostri bisogni e a non desiderare troppo qualcosa che in realtà non è una priorità per noi.

Siamo condizionati dai desideri degli altri, omologati allo status dato dal possedere quel paio di scarpe o dall’avere a tutti i costi un compagno per non essere la sfigata di turno? O vogliamo scegliere cosa davvero desideriamo nel profondo per noi?

Ascolta il tuo cuore e fai ciò che senti, non ciò che gli altri considerano giusto

Commenti: Vedi tutto