Azzurre a Tokyo 2020

Musicoterapia musica terapeutica

Cos’è la musicoterapia e quali sono i benefici e le controindicazioni? Musicoterapia in gravidanza, per bambini, autismo e benefici della musica.

musicoterapia

L’impiego della musicoterapia per il benessere fisicopsichico e per il raggiungimento dell’equilibrio interiore.

La musicoterapia è una tecnica che utilizza la musica come terapia per favorire e facilitare le relazioni intra e interpersonali, per migliorare la qualità della vita delle persone che soffrono disagi affettivi, depressione e solitudine.

La musicoterapia come strumento psicoacustico per liberare le tensioni muscolari, combattere lo stress della vita quotidiana per fornire stimoli, risposte positive e serene.

musicoterapista

Musicoterapia: terapia della musica

La definizione di musicoterapia è stata data dalla World Federation of Music Therapy ovvero Federazione Mondiale di Musicoterapia che ha sancito che la musicoterapia è l’uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) da parte di un musicoterapeuta o musicoterapista qualificato, con un utente o un gruppo, in un processo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l’apprendimento, la motricità, l’espressione, l’organizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive.


Leggi anche: Barbara d’Urso appoggia Elio: troppa indifferenza per l’autismo

Campi di applicazione della musicoterapia

  • disturbi dell’umore
  • disturbi alimentari come anoressia e bulimia
  • demenze senili e morbo di Alzheimer
  • sindromi da dolore cronico
  • psicosi di diversa natura
  • disturbi neurologici
  • interventi chirurgici importanti
  • cura del gioco d’azzardo
  • donne in gravidanza

musica

Principi teorici della musicoterapia

  • ISO identità sonora dell’organismo o individuo
  • Suono come strumento di comunicazione
  • Suono come oggetto integratore di comunicazione uniforme in gruppo

Tipi di musicoterapia

Esistono diverse branchie e modelli che possiamo distinguere il musicoterapia attiva (suonare) e musicoterapia recettiva (ascoltare), oltre un mix delle due.

Ulteriore classificazione si ha sul tipo di impianto che può essere psicoanalitico, psicosomatico e somatico.

Il primo fonda il fine terapeutico sul singolo individuo. Il secondo spazia su gruppi per sviluppare le capacità cognitive, motorie e di apprendimento, quindi ben si adatta agli anziani ed ai bambini.

Il terzo impianto si basa su gruppo ed ha il fine di sviluppare gli aspetti sociali della persona.

terapia-musica

Dove praticare musicoterapia

La musicoterapia va praticata con professionisti qualificati, in centri specializzati.

I trattamenti possono durare circa 60 minuti ed essere praticati in incontri individuali o di gruppo.

La musicoterapia trova spazio anche nei centri benessere con i massaggi musicali.