Pressione alta: cosa fare?

Come combattere la pressione alta: con l’ablazione renale

Per chi soffre di pressione alta c’è un rimedio chirurgico per combatterla: l’ablazione renale del nervo simpatico.

pressione alta

Si tratta di un intervento chirurgico innovativo sperimentato in Gran Bretagna: consiste in micro-bruciature praticate nei nervi che stimolano il cervello alzando la pressione sanguigna fintanto che un “filo anti-ictus” interrompe i segnali nervosi che causano l’ipertensione.

ablazione renaleSi tratta di un’alternativa utile per coloro che sono intolleranti ai farmaci per la pressione alta. Il primo a provare la cura è stato un uomo di 68 anni, Anthony Henry, diabetico e cardiopatico. L’intervento è durato circa un’ora, in anestesia locale. La pressione è diminuita nel giro di due settimane, e gli effetti anti-ipertensivi si sono stabilizzati entro tre mesi. Secondo Martin Rothman, il cardiologo che ha eseguito l’operazione, con questa metodica “si può ridurre la mortalità per ictus del 50%”.


Leggi anche: Insufficienza renale

“L’intervento offre un’alternativa alla dipendenza dai farmaci”, afferma David Collier, ricercatore presso l’Unità di Ricerca Biomedica della Queen Mary University di Londra, che però avverte: “Non è il rimedio per una persona pigra alla dieta e all’esercizio fisico”.

Massimiliano Grimaldi
  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Master in Media Relations presso la Business School del Sole 24 Ore di Milano
  • Iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, elenco Professionisti (08-03-2005)
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter