Sperone calcaneare: cause, sintomi e cura

sperone 

Tutto sulla sindrome dello sperone calcaneare

La sindrome dello sperone calcaneare è una sporgenza ossea del tallone che ha origini congenite o può anche essersi formata  a seguito di un trauma occasionale o ripetuto che abbia interessato in particolare il tallone.

Si tratta, di solito, di traumi conseguenti  una attività sportiva che prevede un impegno particolarmente intenso del tallone, o anche l’uso di scarpe inadatte.

Le scarpe troppo strette o quelle con i fianchi troppo rigidi sono di norma le principali imputate per la comparsa di questa sporgenza ossea, ma non solo, visto che anche alcune attività fisiche come il camminare o correre con scarpe inadatte e, parimenti, il camminare su terreni scoscesi come capita in montagna, senza l’utilizzo delle scarpe adatte alla bisogna, possono determinare la comparsa di questa sporgenza.

infiammazione sperone

Altre cause possono anche essere una errata postura o, ancora una condizione di sovrappeso o, peggio, di obesità.

Spesso questa patologia determina anche la comparsa della tallonite, una patologia infiammatoria del tallone, quella regione del piede che poi è quella che sopporta, di solito, il maggior peso,  anche se per un tempo ridotto, visto che nella deambulazione, così come nelle attività sportive, è quella che poggia al suolo per prima e deve, quindi, sopportare tutto il peso del corpo, anche se solo per pochi istanti.

Gli sport notoriamente a rischio sono il calcio, la palla a volo, il basket, la corsa e con essi  tutti quegli sport che richiedono un particolare impegno della zona calcaneare.

Anche le donne possono soffrire di questo problema, ma solitamente è dovuto ad un utilizzo di scarpe inadatte, visto che spesso viene data più importanza alla moda piuttosto che alla comodità.

Quindi scarpe con tacchi troppo alti o, peggio, scarpe tipo ballerine, che poi sono quelle che creano maggiori problemi.

fisioterapia piedi

Il problema si risolve, nella maggior parte dei casi, con il riposo o un trattamento di fisioterapia, ma se questo non dovesse sortire gli effetti desiderati, sarà necessario ricorrere alla chirurgia per rimuovere l’esostosi e la borsa.