Stretching: perché è importante e come farlo

Arianna Preciballe
  • Esperta di: Gossip, Moda e Design

Lo stretching è una forma di ginnastica molto particolare i quanto fatta a vuoto, ovvero senza carico, e che permette  un corretto allungamento dei muscoli. Viene effettuata in particolar modo immediatamente prima di un impegno sportivo o una volta conluso un allenamento. Ma perché fa così bene?

L’importanza dello stretching

Lo stretching è un metodo utilizzato da tutti gli sportivi professionisti e dilettanti, in quanto serve ad evitare che un muscolo freddo possa andare incontro, a seguito di un allungamento improvviso e sotto carico, ad un danno tissutale anche serio.

Ormai lo stretching è noto a tutti e infatti viene praticato anche da coloro che svolgono una attività fisica per mantenersi in forma, anche se in effetti non tutti prendono questa precauzione.

Ma lo stretching non lo si pratica solo prima di un impegno sportivo o, comunque, prima di una qualunque attività fisica; può essere infatti altrettanto valido anche fine a se stesso e ha degli effetti benefici sia a breve che a lungo termine..

Stretching: l’importanza di farlo

L’importanza dello stretching

Fare stretching in vista di uno sforzo fisico contribuisce a migliorare la circolazione sanguigna e aiuta ad eliminare le tossine; a lungo termine, invece, ha un significativo benefico effetto sull’invecchiamento e quindi sulla salute dell’apparato muscolo-scheletrico.

Quando lo stretching si esegue come riscaldamento in preparazione di un evento sportivo, gli esercizi vanno eseguiti in funzione delle caratteristiche dell’attività sportiva stessa, in quanto per ciascuna disciplina i muscoli interessati possono essere differenti.

Per esempio, per il calcio sono molto importanti i muscoli delle gambe mentre per il basket, oltre alle gambe, vanno preparati anche i muscoli delle braccia e del collo.

Tuttavia, questo esercizio andrebbe effettuato da chiunque si dedichi ad una qualunque attività fisica fatta per mantenersi in forma, quindi anche il jogging, la marcia e gli esercizi anaerobici che solitamente vengono svolti in palestra.

Addirittura lo stretching è importante anche per chi è a lavoro seduto tutta la giornata davanti ad un monitor.