Uscire da un periodo difficile: come chiedere aiuto e farsi aiutare


Come uscire da un periodo difficile? Impara a chiedere aiuto, ad ascoltare la tua parte vulnerabile e non lasciare all’ego il potere di buttarti giù

#18-1


Cresciamo con l’idea che chiedere aiuto e mostrare le proprie vulnerabilità, sia sinonimo di debolezza, perché ci costringe in un certo senso ad ammettere che abbiamo bisogno di qualcuno per andare oltre quell’ostacolo.

Ce la faccio da solo

#18-2

L’errore che commettiamo spesso, è quello di crederci e volerci mostrare invincibili, capaci di risolvere ogni questione senza l’aiuto di nessuno, andando così incontro a delusione e frustrazione quando le cose vano in modo diverso.

“Ce la faccio da solo” è una delle più grandi bugie che l’ego ci racconta, invece di incoraggiarci a compiere l’azione che richiede più coraggio, quella di ammettere il nostro limite e chiedere aiuto, che è invece un grande segno di intelligenza e consapevolezza.


Leggi anche: Come chiedere sconto e rimborsi a Sky per il Coronavirus

E’ verissimo che la soluzione è sempre e comunque dentro di noi, ma senza qualcuno che ci illumini la strada e ci aiuti a portare un po di luce tra i nostri pensieri, finiamo per credere di non essere all’altezza e perdere stima in noi stessi.

Siamo umani, siamo vulnerabili e siamo qui per evolvere come individui e come umanità, portando ognuno il nostro talento e la nostra parte di contributo.

Parti dai tuoi limiti

Più scendiamo in profondità nel conoscere noi stessi e più siamo costretti a vedere quali sono gli aspetti di noi, del nostro carattere e della nostra personalità che “non hanno funzionato bene“ fino ad oggi, che ci hanno portato a commettere errori, a fallire e lì dobbiamo intervenire se vogliamo evolvere.

Chiediamo aiuto prima di tutto a noi stessi, per abbassare quelle barriere che ci siamo costruiti intorno, e permetterci di accogliere nuove consapevolezze su di noi e i nostri “difetti” per andarci a lavorare.

Io ho accettato di essere pessima nel gestire le mie finanze, e di aver vissuto nel caos per molto (troppo) tempo; ne ho preso atto e consapevolezza dopo essermi analizzata a fondo e ho chiesto aiuto. A mia volta so di poter essere utile a chi invece, troppo razionale e mentale, si preclude la bellezza delle emozioni e della condivisione.

La vita è uno scambio di emozioni, di talenti, di esperienze, di bellezza e più muri ci costruiamo intorno, meno saremo in grado di goderne.

Commenti: Vedi tutto