Vivere in città fa male alla pelle

Lo smog comporta: irritazioni, dermatiti e screpolature della pelle

I fattori ambientali sono determinanti per la salute soprattutto della pelle del viso, una delle zone più esposte e sicuramente delle più delicate.

smog

Chi vive in città è sicuramente più esposto ad un’ aria mano sana ricca di agenti inquinanti e che comporta soprattutto una pelle del viso spenta.

Gli studiosi che si sono interessati del fenomeno la chiamano ” faccia da smog” e per molti versi è molto simile a quella dei fumatori anch’ essa segnata e spenta.

I dati piuttosto allarmanti evidenziano l’ azione nociva delle polvere sottili sull’ epidermide e soprattutto causa di infiammazioni come ad esempio la dermatite seborroica.

I più esposti? I dati evidenziano l’ aumento del fenomeno nelle grandi città che coinvolge sia uomini che donne dai 30 anni in su.


Leggi anche: Lo smog provoca il tumore ai polmoni

Cosa accade alla nostra pelle a contatto diretto con le sostanze nocive inquinanti?

Le particelle di carbone presenti nelle polveri sottili vanno ad alterare il naturale PH della pelle soprattutto andando ad intaccare la naturale barriera “protettiva” composta da acqua e sebo posta proprio a protezione della pelle.

Alterandone le difese, queste sostanze penetrano con maggiore facilità andando ad intaccare il naturare equilibrio portando le ghiandole sebacee a produrre sebo in eccesso e di conseguenza rendendo l’ epidermide più grassa.

Tutta non fa altro che rendere campo facile alla comparsa di irritazioni, secrezioni e dermatiti.

Qualche possibile soluzione? Una profonda pulizia della pelle tutti i giorni, utile soprattutto ad eliminare le impurità e successivamente nutrire la pelle con prodotti specifici ad alto potere idratante ed utili a rinforzare le sue barriere naturali.

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter