Amici ha censurato Totò? La smentita

La produzione di Amici è dovuta intervenire in seguito ad una dura polemica che si è scatenata sui social dopo che, in una sfida di ballo, è stata usata la canzone “Malafemmena”, di Totò. Secondo alcuni, il termine sarebbe stato censurato. 

MARIA DE FILIPPI-9317

La produzione di Amici ha dovuto smentire alcune voci molto pesanti che sono circolate in queste ore sui social. Tutto è partito da una sfida di ballo dove, per la coreografia dei due allievi, si è scelta come colonna sonora la canzone “Malafemmena” di Totò. Secondo quanto notato da Giovani Valentino, responsabile del progetto Totò Poetry Culture, la produzione avrebbe tagliato proprio la parte in cui veniva pronunciata la parola “Malafemmena”.

La denuncia di Giovanni Valentino non è stata per nulla leggera nei confronti del programma condotto da Maria De Filippi:

“Con un rarissimo, irripetibile, tocco di classe, il titolo della canzone viene magicamente censurato”.


Leggi anche: Amici 19: polemica social, tutti contro Nicolai

Le polemiche social che sono seguite a questo attacco hanno spinto la produzione di Amici ad intervenire.

Amici: smentisce la censura

maria-de-filippi-amici-maglia-serale

Con un lungo comunicato ufficiale, la produzione ha voluto precisare che non c’è stato alcun intento di censura, semplicemente il brano è stato tagliato per garantire il minuto di esibizione che normalmente viene concesso agli allievi. Nessuna modifica intenzionale ma semplicemente una necessità tecnica.

Non solo, Amici non ha risparmiato una stoccata a quanti hanno cavalcato l’onda della polemica in questi giorni:

“Solo i malpensanti possono credere che si sia deciso di tagliare la parola malafemmena, che però nel frattempo viene annunciata proprio introducendo la coreografia. Quindi secondo i critici tagliamo la parola ma la utilizziamo per introdurre il brano. Saremmo quindi censori e cretini”.

La produzione, poi, ha sottolineato che, se questo particolare può essere sfuggito a Giovanni Valentino, è grave che nessun giornalista lo abbia notato, scegliendo invece di continuare nella polemica.

A chiudere la questione ci ha pensato Rudy Zerbi che, con una delle frasi celebri di Totò, ha sentenziato: “Ma mi faccia il piacere!”.

Ilaria Bucataio
Suggerisci una modifica