Caterina Balivo piange la morte di Ezio Bosso: ci mancherai


Caterina Balivo ha avuto un risveglio poco piacevole, come tutto il mondo della cultura, della musica e tutti quelli che hanno imparato a conoscere e apprezzare Ezio Bosso. Ecco il suo messaggio su Instagram.

D1F53E02-B487-4997-890D-020EB06665F1


Per Caterina Balivo quello di questa mattina non è  strato un gran bel risveglio: se ieri l’avevamo vista felice in bicicletta con suo figlio che voleva portarla con la sua due ruote a pedali fino al lavoro, in Rai, per la puntata di Vieni da me (in onda dal lunedì al venerdì, e quindi anche oggi pomeriggio, alle 14 su Rai 1), oggi la conduttrice ha invece postato uno scatto del grande musicista Ezio Bosso, scomparso questa notte a soli 48 anni.

F8544242-9383-4903-AFD9-900297338BA2

E così, da questa immagine sorridente, siamo passati a un post davvero triste.

La musica ci insegna la cosa più importante che esista: ascoltare”. Buon viaggio maestro #EzioBosso.  A tutti noi mancherà la tua arte, il tuo indimenticabile sorriso e quella incredibile voglia che avevi di abbracciare la vita, nonostante tutto ❤️


Leggi anche: Caterina Balivo: rivelazioni shock

Pianista e direttore d’orchestra dal talento straordinario, Ezio Bosso si era avvicinato alla musica all’età di solo 4 anni, dimostrando di avere qualità davvero rare. Nel 2011 era stato colpito da un brutto male ed era stato operato al cervello per l’asportazione di un tumore. Per non “farsi mancare nulla”, era stato anche colpito da una sindrome autoimmune.

66A183D3-F3A1-42D8-AB4F-987C9FE1894C

Nonostante le malattie, Bosso ha continuato a suonare, comporre e dirigere. Invitato al Festival di Sanremo nel 2016 da Carlo Conti, il maestro aveva incantato ed emozionato, entrando dimorepotenza ma con una dolcezza infinita al tempo stesso anche nei cuori di chi ancora non lo conosceva.

Otto mesi fa, purtroppo, le sue condizioni si sono però aggravate e la malattia ha avuto un brusco peggioramento. La sua malattia neurodegenerativa lo aveva anche costretto ad interrompere l’attività di pianista, avendo compromesso l’uso delle mani.

Commenti: Vedi tutto