Liposuzione: rischi e informazioni utili


liposuzione

La liposuzione è un intervento di chirurgia estetica col quale è possibile modellare il corpo grazie alla rimozione del grasso in eccesso.

Trattandosi di un intervento decisamente invasivo e anche in considerazione del fatto che per il passato si sono verificati seri inconvenienti, addirittura funesti, la liposuzione andrebbe considerata come ultima spiaggia, come l’ultima risorsa per eliminare il grasso in eccesso che non si riesce a perdere con la dieta e l’attività fisica.

Spesso, però, questo tipo di intervento è considerato una vera e propria scorciatoia per evitare di fare dei sacrifici, e questo è un errore che andrebbe assolutamente evitato.

Ovviamente, va anche detto che oggi la tecnica ha raggiunto livelli di sicurezza decisamente elevati e che gli standard e le procedure sono consolidate, tuttavia è bene rifletterci attentamente prima di decidere per un simile intervento che non va mai affrontato alla leggera.

La tecnica attualmente più utilizzata è la tumescente che si esegue effettuando preventivamente una infiltrazione di soluzione fisiologica, anestetico ed un farmaco vasocostrittore nella zona oggetto dell’intervento, procedura di indubbia efficacia.

liposuzione

E’ di tutta evidenza che prima di sottoporsi ad un intervento di liposuzione è necessario sottoporsi ad una visita da parte di un chirurgo estetico che dovrà valutare se la qualità e la quantità del grasso da asportare sono tali da poter garantire una buona riuscita dell’intervento oltre, ovviamente, a decidere il tipo di tecnica da adottare.

Solitamente l’intervento di liposuzione, che ha una durata media di una quarantina di minuti, si esegue in anestesia peridurale, ma nel caso le zone da trattare fossero di dimensioni limitate, è possibile anche l’anestesia locale.

Questo tipo di intervento è  del tutto sconsigliato ai minorenni in quanto non hanno completato ancora lo sviluppo, così come del resto è controindicato per soggetti con problemi di diabete, disturbi cardiaci e renali, difficoltà di coagulazione e altre gravi patologie.


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti (1): Vedi tutto

  • Giulia - - Rispondi

    Un’alternativa meno invasiva da prendere in considerazione è la laserlipolisi: tempo di recupero molto più breve ed ematomi quasi assenti.

Lascia una risposta