Antidolorifici in gravidanza: rischi per il feto


tablets-187704_1920

Antidolorifici e possibili problemi per il bambino durante la gravidanza
Uno degli inconvenienti più difficili da gestire durante la gravidanza è sicuramente la gestione dei farmaci, sopratutto antidolorifici e antinfiammatori,  farmaci ai quali difficilmente si può rinunciare in caso di forti dolori (denti, stati febbrili etc)

In generale l’assunzione di farmaci durante la gravidanza è vivamente sconsigliato,  utilizzando solo quelli strettamente necessari.
Questo accorgimento è molto importante per evitare possibili danni al feto.

Un nuovo studio, infatti, avvolara questi tesi indicando gli antidolorifici come probabile causa di infertilità nel nuovo nascituro.
La ricerca è stata condotta analizzando i dati di 1.463 donne della Finlandia: in questo gruppo hanno trovato alcuni fenomeni allarmanti. le donne che avevano assunto banali farmaci da banco come quelli contenenti paracetamolo e aspirina, mostravano un rischio sette volte maggiore di mettere al mondo un figlio con i testicoli ritenuti o criptorchidismo.

antidolorifici gravidanza

Sicuramente saranno necessarie altre prove, ma da tenere presente il possibile danno che potrebbe creare l’assunzione di antidolorifici.
Una singola compressa contiene 500 mg di paracetamolo, potente distruttore endocrino peggiore dell’esposizione combinata ai 10 interferenti endocrini ambientali più conosciuti, durante tutta la gravidanza. (foto via indianapublicmedia.org )

Ovviamente, in questi casi, va sempre consultato il proprio ginecologo che saprà indicarvi quali farmaci sono ritenuti più idonei durante la gravidanza


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta