Carie nei bambini: prevenzione e cure


La carie nei più piccoli sono sempre più diffuse e colpiscono non solo i denti da latte, ma anche quelli permanenti. Un esperto spiega come si può intervenire con due rimedi: la sigillatura dei solchi e la fluoroprofilassi. 

Teeth, Children


Le carie dei bambini sono in crescita esponenziale e colpiscono non solo i denti da latte, ma anche denti permanenti, tra cui i molari.

La Società Italiana di Odontoiatria Infantile, in tempi recenti, ha diffuso alcuni dati relativi a questo aumento.

Secondo i calcoli, la malattia compromette la salute del cavo orale dei più piccoli con le seguenti percentuali:

  • 3% dei bambini con meno di 2 anni
  • 6% dei bambini sotto i 3 anni d’età
  • 22% dei bambini di 4 anni
  • 44% dei bambini dai 10 anni.

Come si curano queste carie, oltre a prevenirle con una corretta igiene orale?

Lo ha illustrato il Prof. Giorgio Gastaldi, Responsabile del servizio di Odontostomatologia dell’Istituto Clinico San Rocco e Direttore della Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia presso l’Università Vita Salute San Raffaele di Milano.


Leggi anche: Le rughe cure prevenzione e rimedi

Rimedi per prevenire carie nei molari dei bimbi

pediatric-checkup

Oltre ai denti da latte, anche i primi molari permanenti rischiano di cariarsi. Ha spiegato, infatti, il dottore:

“I molari si trovano in fondo alla bocca e sono difficili da pulire. Spesso neanche i genitori sanno che si tratta di denti permanenti, perché nascono senza che prima cada alcun dente”.

La sigillatura dei solchi è un’efficace misura di prevenzione. Si tratta di una procedura grazie a cui “si applica sulla superficie di masticazione dei denti una resina che impedisce ai batteri di penetrare all’interno del solco riducendo così il rischio di carie”.

A volte si considera anche l’opportunità della fluoroprofilassi, ovvero la somministrazione del fluoro per rafforzare lo smalto e prevenire la formazione delle carie.

“Questa strategia deve considerare la quantità di fluoro presente nell’acqua assunta dal bimbo. Un abuso di questa sostanza, infatti, può avere effetti indesiderati. La decisione va valutata con il pediatra”, ha aggiunto l’esperto.

Curare la carie nei bambini

Tooth-Decay-In-Children

Una volta che la carie si è formata, per poterla curare “dipende dalla gravità e da quale parte del dente ha colpito: se solo lo smalto, la dentina o anche la polpa. Nel primo caso, è necessario asportare il tessuto cariato e delimitare la parte sana per proseguire poi con l’otturazione, cioè con la ricostruzione della parte danneggiata”.

Se la carie raggiunge la dentina “e inizia il suo processo demolitivo anche nella polpa dentale, bisogna eseguire una devitalizzazione e, a volte, estrarre il dente”.

Se la carie interessa un dentino da latte “la possibilità di intervento ha delle limitazioni: i denti da latte hanno uno strato di smalto più sottile, quindi la carie arriva più velocemente e c’è più probabilità quindi di dover devitalizzare il dentino o estrarlo”.

Per evitare rischi occorre fare molta attenzione a una corretta pulizia e programmare una visita dal dentista una volta ogni sei mesi.

Commenti: Vedi tutto