Marco Carta dopo i video rischia il carcere


Marco Carta chiede il rito abbreviato dopo l’acquisizione delle immagini: il PM è convinto della sua complicità e vorrebbe poterlo far arrestare

Marco Carta furto vacanza


Marco Carta, vincitore di Amici e di Sanremo,. torna a far parlare di lui e del suo processo per furto con il quale è tornato agli onori delle cronaca dopo un periodo di anonimato artistico.
Accusato di furto a Milano, fatto accaduto alla Rinascente di Milano il 31 Maggio 2019, il cantante si è sempre detto innocente: per rimarcare la sua innocenza, in accordo con i suo legali, il cantante ha richiesto il rito abbreviato.

La decisione è maturata dopo l’istanza condizionata all’acquisizione delle immagini delle telecamere del grande magazzino, immagini che dovrebbero provare l’estraneità dei fatti da parte di Marco Carta che, in modo implicito, accusa l’amica Fabiana Muscas che lo aveva accompagnato nel negozio milanese

Marco Carta colpevole: il PM vuol farlo arrestare

marco carta gay

Il Pm, Nicola Rossato, oltre ad acquisire le immagini a circuito chiuso del negozio, ha potuto sentire alcuni testimoni dipendenti dello store, testimonianze fondamentali che potrebbero scagionare o condannare Marco Carta

Il PM è convinto che il cantante sia complice del furto, convinzione che ha portato Rossato a presentare ricorso in Cassazione (fissata per il 6 novembre l’udienza): secondo il PM l’arresto del cantante dovrebbe essere convalidato, convalida che invece è stat confermata per Fabiana Muscas.


Commenti: Vedi tutto