Al Billionaire di Briatore, registri con ingressi “truccati”?

I conti non tornano.  Solo 3mila ingressi iscritti sul registro del Billionaire di Flavio Briatore e tanti i “furbetti” che hanno dato nomi falsi o che, peggio, si sono imbottiti di tachipirina per superare l’ostacolo del termoscanner.

BILLIONAIRE-770×470

Tanti i problemi nei vari locali della Sardegna come ha rilevato il dottor Marcello Acciaro dell’Unità anti-Covid del Nord Sardegna: rintracciare tutti i clienti che hanno “bazzicato” quei locali che hanno registrato casi di positività da Covid 19

Il giallo sui registri di ingresso del Billionaire

5425790-2203-billionaire-briatore-ultime-notizie-coronavirus-clienti-nomi-falsi

Marcello Acciaro dell’Unità anti-Covid del Nord Sardegna ha detto che fortunatamente  la «movida si muove a ondate, quindi spesso gli stessi nomi compaiono su più elenchi di locali diversi e questo facilita il lavoro».  Come scrive Il Fatto Quotidiano, al momento nessuno dei clienti entrati in contatto con Briatore e il suo staff sarebbe stato rintracciato.


Leggi anche: Flavio Briatore nella bufera: messaggio commovente per impietosire?

Al Billionaire di Briatore solo 3mila ingressi

Francesco Padoa – NOTITLE

Repubblica, intanto, parla di 3mila clienti solo al Billionaire ma, per un locale così importante, «sembrano pochini», come ha spiegato il  dottor Marcello Acciaro.  I numeri, dunque, potrebbero essere ben più alti. Ma prima bisognerà analizzare i registri del Billionaire. In Sardegna, ha spiegato sempre Acciaro l’obiettivo è quello di «recuperare almeno il 60% dei frequentatori».

All’entrata generalità  o numeri di telefono falsi

billionaire jpg

Un altro aspetto quando si parla di rintracciare i clienti dei  locali è il fatto che  molti di loro potrebbero aver fornito, all’ingresso, generalità false  o un contatto fasullo: anche perché  i proprietari dei locali o chi sta all’entrata di essi non è un poliziotto. Quello che teme Acciaro è che qualche furbetto, tra i clienti o tra il personale, «pur avendo la febbre, si sia  preso una tachipirina e sia andato in discoteca, ma se c’è davvero verrà denunciato“. E come ha dichiarato al Corriere della Sera: “I gestori delle discoteche non sono agenti di polizia. Ma fino a che non vedo gli elenchi non si può dire”


Potrebbe interessarti: Billionaire senza scuse: niente mascherina, Briatore nella bufera

Billionaire, la Procura aprirà un’inchiesta

billionaire

Non sarà facile, quindi, rintracciare i clienti del Billionaire e degli altri locali della zona: operazione di per sé complicata ma resa ancor più difficile, come è stato detto, dal fatto che molti clienti avrebbero lasciato un numero di telefono falso all’ingresso. I registri sono ora nelle mani di Marcello Acciaro. Sulla vicenda il  viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri ha commentato: “Rimango atterrito dal fatto che al Billionare siano stati dati numeri e generalità falsi  La Procura aprirà un’inchiesta su questo”.

Francesca Petruccioli
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, elenco Professionisti
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica