Andrea Scanzi “I negazionisti l’espressioni più grande di deficienza umana”

12/10/2020

Andrea Scanzi, quotidianamente combatte la sua battaglia contro i negazionisti del virus. In uno dei suoi ultimi post Andrea ha commentato ciò che è accaduto a Roseto degli Abruzzi. Ma scopriamo insieme cosa ha raccontato Scanzi.

andrea-scanzi

Andrea Scanzi è un noto giornalista e scrittore. Attraverso il suo profilo Facebook  Andrea esprime il suo pensiero e si scaglia contro i negazionisti del virus e contro chi non rispetta le norme prescritte per contenere il Covid-19. In particolare nell’ultimo periodo il giornalista quasi ogni giorno commenta un fatto di attualità che riguarda un negazionista o un comportamento sbagliato.
In uno dei suoi ultimi post Andrea commenta ciò che è accaduto a Roseto degli Abruzzi. Scopriamo insieme cosa ha raccontato Scanzi.

Andrea Scanzi contro i negazionisti

121235694-4061301257219505-2628735870436879034-n

In uno dei suoi ultimi post su Facebook Andrea ha deciso di commentare ciò che è successo a Roseto degli Abruzzi. A quanto pare nella città Abruzzese un padre, ha aggredito verbalmente la pediatra di sua figlia. Il motivo? Quest’ultima aveva prescritto un tampone alla bambina dato che presentava dei sintomi riconducibili al Covid-19. Ma vediamo come Scanzi ha commentato questo fatto:


Leggi anche: Otto e Mezzo: Andrea Scanzi asfalta Salvini e la Meloni

“Una bimba, a Roseto degli Abruzzi, ha la febbre a 37.5, tosse e rinorrea. I suoi genitori sono separati. La pediatra ordina, come ovvio, il tampone.La madre è d’accordo, ma va contattato il padre. Lo contattano. Questo fenomeno reagisce con sobrietà. Telefona alla pediatra e le urla, ‘adesso vengo nel suo studio, prima la trito come il sale fino e poi l’ammazzo. Il coronavirus non esiste. Idiota’ le avrebbe detto l’uomo al telefono. Questo, almeno, è quanto ha riferito al Messaggero la pediatra Giannina Calderoli”.

Andrea ha poi continuato il suo post scrivendo: “Qualora fosse vero, sarebbe assai pertinente che a questo “padre” venisse prima fatto un TSO e poi regalato un 5 anni di galera. Così, anche solo per minacce e deficienza.I negazionisti da Covid sono una delle più grandi espressioni di deficienza umana mai viste sul pianeta Terra”.

Anna Vitale
Laureata in Scienze della Comunicazione digitale e d’impresa
Esperta in: TV e Gossip
  • Fonte Google News
  • Suggerisci una modifica
    Iscriviti alla Newsletter

    Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter