Antonella Clerici: un messaggio positivo per tutte le ragazze

Francesca Naima Bartocci
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • 13/06/2022

    Antonella Clerici è uno dei volti più amati della tv anche per i suoi modi di fare autentici. La presentatrice intervistata da Repubblica ha condiviso un messaggio positivo sull’accettazione e la fiducia in sè stesse.

    antonella-clerici-lutto-piange

    Volto amatissimo della tv italiana, intervistata per Repubblica, Antonella Clerici ha mandato alle ragazze un messaggio positivo di fiducia in sè stesse e amore per la cultura:

    Non penso che ci si debba trasformare quando si va in tv, bisogna essere se stessi, farsi conoscere per quello che si è. Sono una donna piacente con i suoi difetti. Se sono fuori forma lo dico, il rapporto col pubblico è diretto. Credo che tutta Italia conosca i miei disturbi per la menopausa. E bisognerebbe parlarne di più, non c’è niente da vergognarsi. Le mie spettatrici sono cresciute con me: anche a me cedono parti del corpo che prima stavano su. Mica sono diversa dalle altre.

    Antonella Clerici ha poi parlato della sua carriera in tv che forse potrebbe presto terminare, ma anche delle sue ambizioni:

    No, ma mai dire mai. Faccio un quotidiano, è diverso da un programma settimanale. Il mio sogno proibito sarebbe fare nella casa nel bosco un talk stile Oprah Winfrey, intervistare gente che piace a me. Mi concentro nel fare bene in quello che faccio. Non voglio essere la più ricca del cimitero. Il vantaggio dell’età è che non devi dimostrare tutte le volte che sei bravo, lasciamo spazio anche ai conduttori.

    Antonella Clerici: i miei difetti sono la mia forza!

    Antonella-Clerici

    Antonella Clerici crede che sia ora di far spazio alle nuove generazioni:

    Bisogna far crescere le nuove generazioni. Nel cinema c’è ricambio, in tv meno. Non mi faccia parlare delle donne, non voglio fare torti. Tra gli uomini vedo Alessandro Cattelan, è legato alla contemporaneità.

    Infine ha condiviso un consiglio prezioso per le giovani che sognano di fare il suo lavoro:

    Ho avuto successo grazie alla mia imperfezione. Alle ragazze dico: siate imperfette, diverse, anzi uniche, come dice la meravigliosa Drusilla Foer. Io ero sempre troppo: troppi chili, troppo riccia, troppo bionda. Poi studiate, non si può fare tv con l’ignoranza. Per condurre, la cultura non è un optional, devi saper coniugare i verbi.