Coronavirus, scuola a distanza: ecco come si può fare

- 09/03/2020

L’interessante caso di un istituto in provincia di Padova e le iniziative di volontariato di Luca Vullo, attore, formatore specializzato ed esperto di comunicazione. Previste nuove attività nei prossimi giorni. 

Scuola a distanza credits Pixabay khamkhor


Il Coronavirus non ferma la scuola e la cultura. Il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Lozzo Atestino (Padova), Alfonso D’Ambrosio, in piena Zona Rossa del Veneto, ha deciso di offrire un implemento dell’offerta formativa, da lunedì a venerdì in diretta online dalle 10 alle 12 proponendo dibattiti, riflessioni tematiche, letture con scrittori, proposte teatrali per tutti i suoi studenti e aprendosi a gemellaggi giornalieri con altre scuole.

Luca Vullo, ambasciatore della gestualità italiana nel mondo

Luca Vullo gestualità italiana

Martedì 3 marzo è stato il turno di Luca Vullo, che in veste di attore, formatore specializzato ed esperto di comunicazione, ha fatto un incontro con i bambini delle scuole di Codogno (Lodi) e Castelfranco Emilia (Modena), dove ha parlato di intelligenza emotiva e comunicazione non verbale. Temi importanti in questo momento storico dove è necessario interpretare e conoscere bene le nostre emozioni e il nostro corpo.


Leggi anche: Coronavirus, #iorestoacasa: cosa fare e non fare fino al 3 aprile

fotoVullo

Insieme a Vullo c’era Serafina Dangelico, la docente di scuola primaria dell’Istituto comprensivo Guido Guinizelli di Castelfranco Emilia. Si tratta di un progetto innovativo che cerca di colmare i vuoti scolastici dovuti alle restrizioni ministeriali per il Coronavirus, sfruttando la rete per offrire ai bambini oltre alle lezioni individuali, un servizio più ampio e completo con un filo comune.

Tutto ciò rientra in una serie di iniziative di volontariato portate avanti da Luca Vullo che, nei prossimi giorni, organizzerà nuovi incontri con i bambini. Grazie al sostegno di Tuttoscuola, infatti, la tecnologia consente il proseguimento delle lezioni e della solidarietà umana e formativa.

lucia-azzolina-nuovo-ministro-della-scuola-a-37-anni–ecco-chi-e

Al progetto hanno già partecipato il Ministro all’Istruzione Lucia Azzolina, la scuola di robotica di Genova e tanti altri professionisti sensibili alla causa daranno il proprio contributo.

Luca Vullo: chi è e che cosa fa tra teatro, scuola e aziende

LEADERSHIP ARENA 2019

Luca Vullo è autore, regista, produttore cinematografico e teatrale, siciliano d’origine e londinese d’adozione. Il successo internazionale della sua docu-fiction La voce del corpo sulla gestualità dei siciliani ha fatto sì che Luca diventasse ambasciatore della gestualità italiana nel mondo.

Luca Vullo e sua mamma Angela Gabriele

Oggi, in questa veste, è impegnato in diversi ambiti professionali: la formazione scolastica e universitaria, il coaching teatrale e aziendale, la consulenza televisiva, la consulenza scientifica e l’intrattenimento.

Vullo è già stato ospite a Lozzo Atestino nel 2019, dove ha presentato con successo i suoi spettacoli La voce del corpo (sulla gestualità dei siciliani) e Io al posto tuo (per sensibilizzare la società civile sul problema dei disturbi di apprendimento), coinvolgendo scuola e comunità. Questa volta è tornato virtualmente per confermare la sua passione per la formazione e la sua sensibilità per il sociale.

fotoVullo3

Dice di sé Luca: «Faccio una grande fatica a descrivermi perché è come se tentassi di spiazzarmi ogni giorno mettendomi alla prova con nuove avventure, tirando fuori dal cilindro altre passioni e iniziando nuovi progetti in cui credo».

Dal 2020, inoltre, Vullo cura alcuni laboratori formativi permanenti Mind4children, spin-off dell’Università di Padova, sulla comunicazione verbale e non verbale nell’insegnamento. Il progetto vanta la direzione scientifica della Prof. ssa Daniela Lucangeli, con la quale sta scrivendo il suo prossimo libro che sarà pubblicato dalla Erickson.

Italia s’è gesta Libro Luca Vullo

Nei mesi scorsi, intanto, è uscito L’Italia s’è gesta. Come parlare italiano senza parlare, il primo libro dell’attore e formatore siciliano, pubblicato da ULTRA edizioni all’interno della collana comica Veni vidi risi curata da Stefano Sarcinelli.

Commenti: Vedi tutto