Elena Sofia Ricci rivela: quanto manca al suo addio alla tv?

Francesca Naima Bartocci
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • 20/06/2022

    Elena Sofia Ricci è un’attrice italiana amatissima dal pubblico del piccolo schermo. Dopo don Matteo, l’attrice ha vestito a lungo i panni di Suor Angela in Che Dio ci aiuti, nota serie Rai, ma presto Ricci dirà addio al suo ruolo.

    Elena Sofia Ricci rivela: quanto manca al suo addio alla tv?

    Pare che come Terence Hill in Don Matteo, anche Elena Sofia Ricci stia per dare l’addio all’amato personaggio di Suor Angela che ha vissuto con lei per ben sei stagioni. In una recente intervista per Vanity Fair, l’attrice ha parlato del futuro di Suor Angela per il cui ruolo forse potrebbe arrivare una sostituta come è stato per Don Matteo, quando Raoul Bova sostituì Terence Hill.

    Ha compiuto 60 anni lo scorso 29 marzo, ma l’attrice è ancora in splendida forma e sa incantare il pubblico. La prossima stagione di Che Dio ci aiuti sarà l’ultima in cui la vedremo come suor Angela:

    Come ho detto da subito, non avrei potuto girare un intero ciclo di puntate a causa di altri impegni presi in precedenza, per esempio Fiori sopra l’inferno. Dunque, ci sarò solo nei primi tre episodi e in ulteriori due momenti, uno a metà e uno alla fine della stagione, proprio per avere il tempo di congedarmi.

    Elena Sofia Ricci dice basta ai panni di Suor Angela!

    Elena Sofia Ricci rivela: quanto manca al suo addio alla tv?
    Quando le viene chiesto se abbia mai pensato di smettere di recitare, l‘attrice confessa il suo pensiero a riguardo:

    Non che ricordi. Però, nel 2017, mentre giravo Che Dio ci aiuti e non arrivava altro, perché il cinema non mi considerava a parte Ferzan Özpetek e Ricky Tognazzi, ho avuto un momento di sconforto: non posso morire (professionalmente) vestita da suora a 55 anni!à

    Un momento molto importante:

    In quel momento ho deciso di tornare al teatro, che avevo abbandonato per stare vicino alle mie due figlie: nella libreria di casa ho trovato Vetri rotti di Arthur Miller, era lì da 25 anni – ho fatto i conti –, ma non l’avevo mai aperto, aspettavo l’età giusta. Si è sbloccato qualcosa: mi ha chiamata il mio agente per dirmi che Paolo Sorrentino chiedeva di vedermi. Paolo Sorrentino voleva me, quella nazional-popolare? Ho pensato che avesse sbagliato numero.