Eurovision Song Contest: Maneskin vincono il premio miglior testo

I Maneskin rappresentano l’Italia all’Eurovision Song Contest 2021 e sono tra i favoriti al concorso canoro. Non a caso al brano Zitti e buoni è andato il riconoscimento per il miglior testo. Una grande soddisfazione per la giovane band.

maneskin

Oggi, sabato 22 maggio 2021, ci sarà la finale dell’Eurovision Song Contest. La finale si svolgerà alla Ahoy Arena di Rotterdam e presente sarà la band che rappresenta l’Italia: i Maneskin.

Per quanto riguarda la diretta, l’Eurovision Song Contest 2021 andrà in onda su Rai 1 a partire dalle 20:35 e sarà possibile seguire la finale anche in streaming su RaiPlay e su RaiRadio2. Commenteranno la finale dell’Eurovision Cristiano Malgioglio e Gabriele Corsi.

I Maneskin partivano già come favoriti: non a caso, sono stati i vincitori del premio miglior testo. Damiano, frontman dei Maneskin e autore del brano Zitti e buoni, si è mostrato incredulo e orgoglioso del riconoscimento datogli. Tra l’alto, è il primo premio che riceve in quanto autore:


Leggi anche: Eurovision Song Contest 2022: le novità

Questo è il primo premio che vinco come autore nella mia vita e non lo dimenticherò mai. Lo metterò sopra il televisore.

Zitti e buoni: il brano insolente potenziale vincitore dell’Eurovision

manee

I Maneskin partivano come favoriti e hanno confermato la loro bravura e il loro stile all’ Eurovision Song Contest 2021. Infatti, a loro è già stato attribuito un riconoscimento: il premio miglior testo.

La giuria dell’Eurovision ha parlato del brano della band italiana, così dicendo:

Una canzone insolente. Le metafore nei testi sono ben scelte e ti parlano costantemente. Questa non è una canzone dolce, e quindi le immagini non sono gradevoli, ma volutamente dirompenti. Zitti e buoni è un grido crudo dei disadattati di questa società falsa.

Un brano, quindi, riconosciuto per essere ben scritto ma soprattutto sincero – e nel modo giusto. Una protesta per niente silenziosa, che appoggia e difende chi viene additato da una società piena di ipocrisie.

La bassista del gruppo, Victoria De Angelis, ha sottolineato l’importanza di – letteralmente – fregarsene di ciò che la gente pensa o dice, tanto sono sempre tutti molto bravi a giudicare senza sentire, guardare, empatizzare:

È un invito a non curarsi di quello che le persone ti dicono. La canzone è un messaggio per coloro che si sentono giudicati dalla società, affinché non si sentano soli.


Potrebbe interessarti: Eurovision 2021: I Maneskin tra i favoriti

Il brano non a caso ha trionfato a Sanremo 2021, e da lì la strada in discesa dei Maneskin appare sempre più spianata.

L’ultimo italiano ad aver vinto il premio miglior testo era stato Mahmood nel 2019, il quale era anche arrivato secondo al contest. Un risultato sicuramente d’eccellenza per l’Italia, che i Maneskin potrebbero addirittura “superare”.

Tutto è da vedere durante la finale di questa sera, dove si sfideranno i 20 paesi che hanno superato le semifinali che si aggiungono ai 6 paesi già in finale.