Flavio Briatore si scusa coi sardi: “Parole male interpretate”

29/09/2020

In un’intervista all’”Unione sarda” il patron del Billionaire Flavio Briatore è tornato sulle polemiche nate in estate dopo la notizia della positività al Coronavirus sua e di molti suoi dipendenti del locale della Costa Smeralda. L’imprenditore ha chiesto scusa. “Mie parole male interpretate”. 

Flavio-Briatore

In una recente intervista all’“Unione sarda”, Flavio Briatore è tornato su una delle numerose polemiche esplose a fine agosto, quando l’imprenditore era risultato positivo al Covid-19, da cui ora è guarito.

Flavio Briatore e Arzachena: la polemica

Flavio-Briatore3-1

All’epoca Briatore aveva detto, in buona sostanza:

“È la Costa Smeralda la porta della Sardegna. Arzachena la conosce lui e due pecore”.

Arzachena, in provincia di Oristano, sulla Costa Smeralda, è la località dov’è situato il noto locale Billionaire dell’ex general manager della Formula 1.

Dopo varie critiche e botta e risposta tra Briatore e il sindaco di Arzachena, intervistato dall’“Unione sarda”, l’imprenditore piemontese si è scusato e ha fatto alcune precisazioni:


Leggi anche: Al Billionaire di Briatore, registri con ingressi “truccati”?

“Voglio chiedere scusa ai sardi se qualcuno può aver mal interpretato le mie parole. Però che Arzachena non sia un luogo noto all’estero è un dato di fatto, mentre è certo che Porto Cervo e la Costa Smeralda siano considerate unanimemente sinonimo mondiale di bellezza e mare stupendo e di questo anche il Comune di Arzachena credo che tragga grandi vantaggi e benefici”.

Ha aggiunto:

“Qualche frase troppo concitata e mal espressa da parte mia ha montato questa vicenda fino a farla diventare una vera e propria bagarre. Il sindaco ha voluto, giustamente, difendere il suo provvedimento e la mia critica alla sua ordinanza si è trasformata in una offesa verso i sardi. Niente di più sbagliato. Io amo la Sardegna e considero i sardi un popolo straordinario”.

Flavio Briatore: amore per i sardi

briatore flavio

Dei 150 lavoratori impiegati ogni anno al Billionaire, 100 sono sardi, ha sottolineato il manager. Inoltre sul territorio ci sono anche molti pastori che considerano l’ex marito di Elisabetta Gregoraci, ora nella Casa del “GF Vip 5”, alla stregua di un benefattore. Ha commentato Briatore:

“I pastori sono artigiani di prodotti eccezionali e unici. Sono contento di aver portato il pecorino sardo di alcuni produttori, di cui sono diventato amico, in molte capitali mondiali grazie alla catena Cipriani e ad alcune iniziative che ho intrapreso con il mio amico Oscar Farinetti, patron di Eataly. E nella battaglia sul prezzo del latte sono stato al loro fianco fin dal primo momento”.


Potrebbe interessarti: Billionaire senza scuse: niente mascherina, Briatore nella bufera

Sulla riapertura del Billionaire l’estate prossima:

“Vediamo… Dipende da quelle che saranno le condizioni del mercato. Anche se bisognerà sperare che il pericolo del contagio sia definitivamente cessato e che il tanto atteso vaccino arrivi al più presto”.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter