Il Punto Z: Tommaso e Rosalinda contro l’odio sul web

20/05/2021

Ieri a Il Punto Z sono stati ospiti in studio Rosalinda Cannavò e Andrea Zenga. Tommaso ha invitato l’ex gieffina a parlare di un tema spesso affrontato da lei: l’odio sui social e il body shaming. I due ex gieffini hanno anche parlato delle probabili soluzioni per mettere fine agli insulti degli hater.

zorzi

Ieri sera a Il Punto Z sono stati ospiti in studio Andrea Zenga e Rosalinda Cannavò. La coppia nata sotto alle telecamere del Grande Fratello Vip 5, ha risposto alle domande di Tommaso Zorzi, concorrente con loro della stessa edizione del reality.

Tra le tante domande divertenti ed ironiche c’è stata anche la richiesta a Rosalinda di parlare di un argomento da lei più volte affrontato sul suo profilo Instagram, ovvero l’odio che viene spesso manifestato del tutto gratuitamente sui social.

L’ex gieffina ha parlato della sua esperienza come vittima di body shaming e di insulti online verso la propria persona.


Leggi anche: GF Vip, Zenga duro con Dayane: “Non ama Rosalinda”

Il body shaming subito da Rosalinda

 

zorzi3

Durante l’intervista in studio a Il Punto Z di Andrea Zenga e Rosalinda Cannavò, Tommaso Zorzi ha voluto che l’ex gieffina tornasse su un argomento da lei affrontato molto spesso dal momento che più volte si è trovata a viverlo sulla propria pelle: il body shaming, e in generale, l’odio sui social.

In una recente intervista Rosalinda ha parlato dei leoni da tastiera che l’hanno offesa attaccandola per il proprio aspetto fisico e della sua sofferenza che spesso arrivava a farle desiderare di abbandonare definitivamente i social.

Con Tommaso, Rosalinda è tornata sull’argomento raccontando di come, nonostante si sia ormai fortificata nel corso del tempo, resti sempre comunque ferita dagli insulti che riceve quando viene attaccata per il proprio aspetto fisico:

“È un tasto un po’ delicato perché di questa cosa ne soffro da quando mi sono approcciata al mondo dello spettacolo.

Quando mi attaccano sull’aspetto fisico, che comunque è un mio punto debole, avendo anche sofferto di disturbi alimentari, sulle mie forme, ovviamente un po’ mi sfiora, nonostante cerchi di farmele scivolare via perché ormai mi sono abituata, un po’ mi sfiora.


Potrebbe interessarti: GF Vip: Nicolò Zenga “perplesso” su Rosalinda

Vorrei fare qualcosa, perché so di non essere sola per cercare di dare delle regole sui social perché chiunque può scrivere quello che gli pare senza registrare la propria identità, quindi senza prendersi la conseguenza delle proprie azioni.”

Tommaso si unisce alle parole di Rosalinda

rosalindacannavò

Tommaso, che di recente ha querelato una lunga serie di hater che lo hanno insultato online, condivide appieno le parole di Rosalinda.

Inoltre, ha anche spiegato come lui solitamente affronta gli attacchi di odio sui social e di cosa fa per porre rimedio alla cattiveria di alcuni utenti:

“Io ho tre regole. La prima è querela. Seconda cosa: ignorare, quindi screenshot e avvocato, senza rispondere, e ogni tot, punirne uno per educarne cento con un bello sp******mento nelle stories.”

In ultimo, Tommaso Zorzi ha spiegato che l’aspetto che più lo preoccupa è quando le offese e gli insulti colpiscono i più deboli:

“Finché sono cose che vengono fatte su di me, ho le spalle larghe. Però, per fare un esempio, mia sorella ha appena fatto coming out: all’idea che qualcuno possa toccare mia sorella mi fa impazzire.

Pensa magari un ragazzino che viene da un paesino in cui non ha una valvola di sfogo e vive in quella realtà circoscritta a mille anime che vede ogni giorno e non riesce a evadere.

Se i social riuscissero a diventare una valvola di sfogo e un posto bello anche per quelle persone che non possono fisicamente evadere ma che possono farlo con uno smartphone in mano, secondo me si riuscirebbe così a raggiungere quello che forse è lo scopo più nobile dei social.”

 

Giulia Marinangeli
Suggerisci una modifica