Singapore: abolita la legge contro l’omosessualità

Rachele Luttazi
  • Attivista per le pari opportunità ed esperta in gender gap
24/08/2022

A Singapore sarà abrogata legge che punisce con il carcere l’omosessualità. Ad annunciarlo è il premier del Paese, durante il discorso annuale alla nazione. Dopo questo primo traguardo, la strada segue verso la legalizzazione del matrimonio.

Singapore: abolita la legge contro l’omosessualità Il primo ministro di SingaporeLee Hsien Loong, ha annunciato in diretta televisiva di voler abolire la legge che punisce con il carcere l’omosessualità. 

Il premier, inoltre, ha comunicato anche di voler modificare la costituzione per legalizzare il matrimonio tra omosessuali.

Singapore, l’annuncio del ministro: abolita la legge contro l’omosessualità

Singapore: abolita la legge contro l’omosessualità

Singapore essere omosessuali non sarà più illegale. Ad annunciarlo è Lee Hsien Loong, premier della Nazione, che durante il suo discorso annuale alla nazione, ha annunciato che verrà abolita la legge contro l’omosessualità, vale a dire la legge 377A

È la cosa giusta da fare. Il sesso tra uomini consenzienti non dovrebbe essere criminalizzato. Non c’è giustificazione alcuna per perseguire una persona che non ha commesso un reato.

La norma abrogata risale agli anni Trenta del Novecento. All’epoca Singapore era una colonia dell’impero britannico e per anni la città ha preservato un orientamento conservatore. Secondo la legge 377A, gli omosessuali rischiano fino a due anni di carcere, ma è ormai da decenni che non si registrano sentenze in merito e la norma non cita il sesso tra donne o altri generi.

Leggi simili erano state imposte in altre colonie britanniche, diverse delle quali sono poi state abrogate, come in India, dove nel 2018 la corte suprema ha eliminato il reato di omosessualità, e a Taiwan, dove nel 2019 sono stati legalizzati i matrimoni omosessuali. Infine, in Thailandia si sta discutendo un disegno di legge analogo a quello di Taiwan.

Verso la legalizzazione del matrimonio

La decisione di Lee Hsien Loong è stata accolta positivamente dagli attivisti LGBTQ+ del Paese, ma ora chiedono anche di legalizzare il matrimonio tra omosessuali ed il primo ministro ha precisato via Twitter che:

La definizione di matrimonio verrà protetta da interpretazioni o minacce a livello legale. Per difendere questo diritto dobbiamo modificare la costituzione e lo faremo.