Striscia la Notizia: una lettera di scuse?

Le acque sono state molto agitate per Striscia la Notizia, il telegiornale satirico che ha fatto un passo falso scatenando una vera e propria bufera mediatica. Allora, da Striscia è arrivata una lettera indirizzata alla Ministra Bonetti, la quale aveva condannato la consegna del Tapiro D’Oro ad Ambra Angiolini.

ambra-angiolini-attends-le-invasioni-barbariche-tv-show-on-news-photo-1610621498-

La vicenda che vede protagonista Ambra Angiolini e Striscia ha ultimamente tra le notizie più cliccate e discusse. Il Tapiro D’Oro consegnato all’Angiolini ha infatti fatto discutere e non poco, visto che le è stato consegnato per la fine della relazione con Massimiliano Allegri.

Una mossa molto criticata per ovvi motivi, dove anche la Ministra Bonetti ha scelto di intervenire, commentando il fatto:

Una spettacolarizzazione di un evento privato e doloroso nel quale non occorreva certo un dibattito politico ma dove si è scelto di andare dalla donna e non dall’uomo.

Dopo le dichiarazioni della Ministra e i generale dopo tutte le polemiche e critiche ricevute, da Striscia è stata presa la scelta di intervenire.


Leggi anche: Striscia la notizia: addio a Ficarra e Picone

Da Striscia la lettera alla Ministra Bonetti

striscialanotizia

Dall’ormai storico programma di Antonio Ricci, Striscia la Notizia, è stato scelto di rispondere direttamente alla Ministra Bonetti, così da intervenire una volta per tutte per placare le infinite critiche ricevute da più persone.

Sulla vicenda di Ambra Angiolini è stata dunque scritta una lettera per il Ministro Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti. Una lettera in realtà molto satirica, dalla quale si evince anche una risposta a tutte le persone conosciute o non che hanno detto la loro sulla questione:

Gentile ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti, mi presento: sono il Tapiro d’oro. Ci tenevo a scriverle dopo che anche lei – che onore! – ha impegnato alcuni minuti del suo tempo per parlare di me in compagnia delle menti più brillanti della Nazione. Sono nato nel ‘96, premio dal muso lungo e triste. E da allora vengo consegnato ai cosiddetti “attapirati”. Sono finito nelle mani di De Martino, Diletta Leotta, Scamarcio, Belén, Ignazio Moser, Federica Pellegrini, Monte… Motivo? I loro cuori spezzati, senza distinzione di genere. Come vede, mi sono sempre fatto un punto d’onore di rispettare le Pari Opportunità. L’amica @ambraofficial, ci tengo a dirlo, è stata avvicinata in modo amichevole dal tapiroforo @valerio_staffelli: nessuna fuga, richiesta di spegnere le telecamere o segnali di fastidio. Anzi! Per mostrarle che tutto si è consumato in modo sereno, può vedere la prima parte del servizio, non andata in onda: Ambra, che ha una lunghissima carriera alle spalle e molta consuetudine con il mondo dello spettacolo, non ha mai manifestato a Staffelli la minima volontà di non essere intervistata, come risulta evidente durante tutto il servizio. Cara ministra Bonetti, Striscia, come sa, è una trasmissione satirica che ha come missione impossibile combattere l’ipocrisia nel mondo.

Sui social ufficiali di Striscia, poi, si può trovare il fuori onda prima della consegna del Tapiro ad Ambra Angiolini, a dimostrazione della serenità con cui il tutto si è svolto.