Tommaso Zorzi attacca Le Iene

14/04/2021

Ieri sera Tommaso Zorzi stava guardando i servizi de Le Iene  in tv. Ad uno dei reportage è stato dato il titolo “Festini gay, muore ragazzo: omicidio?”. Il vincitore del Grande Fratello VIP 5, interviene criticando il titolo e rispondendo con ironia.

zorzi

“Cos’è un festino gay?” si domanda ironicamente Tommaso Zorzi guardando il servizio de Le Iene che stava seguendo in tv.

Nel titolo di uno dei servizi dello show di Italia1 viene riportata la dicitura “festini gay“, il che lascia perplesso Tommaso Zorzi, che in una storia su Instagram mostra il titolo e si domanda cosa sia esattamente un festino gay e perché sia necessario specificare l’orientamento sessuale dei partecipanti.

La reazione del vincitore del Grande Fratello VIP 5 è molto ironica.

Il titolo del servizio de Le Iene

18:15 – Tommaso Zorzi contro il titolo de Le Iene

 

Nella storia pubblicata ieri sera sul suo profilo Instagram, Tommaso Zorzi zooma sul titolo di un servizio de Le Iene che riporta la definizione “festino gay“.


Leggi anche: Chiara e Fedez foto nella cappella Sistina: scoppia la polemica

Il vincitore del Grande Fratello VIP 5 pone ironicamente la domanda nella storia “Cos’è un festino gay?”, riferendosi alla connotazione negativa che viene associata a questo appellativo, come a poterci essere un’intenzione nel voler evocare una serie di pratiche illecite legate ad un orientamento sessuale.

“Ammetto di essermi distratto un attimo, sono appena arrivato davanti alla tv, quindi non so di cosa parli il servizio, ma mi fa ridere: cos’è un festino gay? Cioè, perché un festino “gay“? È un festino.”

Un festino, sottolinea Zorzi, è un festino, non ha importanza quale sia l’orientamento sessuale di chi vi prende parte.

L’ironia di Tommaso Zorzi

18:15 – Tommaso Zorzi contro il titolo de Le Iene

Dopo aver sottolineato quanto non fosse necessario definire gay un festino all’interno di un titolo del servizio de Le Iene, Tommaso Zorzi posta una seconda storia su Instagram, in cui affibbia l’appellativo di gay a diversi oggetti di arredamento, andando a sottolineare maggiormente il concetto appena espresso, ovvero, che non è rilevante definire gay un festino, e che anzi, potrebbe essere offensivo associare un orientamento sessuale ad un festino in cui si sono verificati fatti illeciti.

La risposta dell’influencer è molto ironica:

“Comunque volevo dirvi che questa è la mia tv gay, su un mobiletto gay, con dei decoder gay, azionati da un telecomando gay.”


Potrebbe interessarti: Le Iene: il Coronavirus blocca il programma

Giulia Marinangeli
Suggerisci una modifica