Uomini e Donne: commozione per Matteo Ranieri…

Giulia Marinangeli
  • Diplomata in scuola di traduzione
06/03/2022

Negli scorsi giorni Matteo Ranieri è stato intervistato dal magazine ufficiale di Uomini e Donne. Il tronista ha raccontato alcuni aspetti della sua vita e ha anche tirato fuori in maniera molto commovente il ricordo di sua nonna, che non c’è più.

16:30 – Uomini e Donne: commozione per Matteo Ranieri…

Proprio in questi giorni è uscita nel magazine ufficiale di Uomini e Donne una lunga intervista a Matteo Ranieri, tronista dell’odierna edizione del dating show di Canale Cinque.

Matteo Ranieri ha risposto a moltissime domande che riguardano la sua vita privata e il suo carattere, ma ad un certo momento ha ricordato una tenera scena andata in onda negli scorsi giorni durante una puntata di Uomini e Donne e che ha riguardato anche la dama del trono over Giovanna Filippi.

Proprio a questo proposito, Matteo Ranieri ha voluto ricordare sua nonna, parlandone in maniera molto commovente.

L’affetto tra Giovanna e Matteo

In una puntata di alcune settimane fa di Uomini e Donne, il pubblico ha assistito ad una scena molto tenera tra Matteo Ranieri e la dama del trono over Giovanna Filippi.

In apprensione per il tronista molto scosso da alcuni risvolti della puntata, la dama si è avvicinata molto affettuosamente per domandargli come stesse. Toccato da un gesto così gentile, Matteo Ranieri si è molto commosso.

Maria De Filippi, alla vista di questa scena, ha dedotto che il tronista avesse subito recentemente la perdita di sua nonna, deduzione che è stata poi confermata dallo stesso Matteo Ranieri.

Il ricordo della nonna scomparsa

16:30 – Uomini e Donne: commozione per Matteo Ranieri…

Nell’intervista uscita in questi giorni nel magazine ufficiale di Uomini e Donne, alcune domande hanno riportato Matteo Ranieri su questo argomento, approfondendo il racconto del suo affetto per la nonna che non c’è più:

Mia nonna si chiamava Brigida ed era la persona alla quale ero più legato nella mia vita. Il mio punto di riferimento. Era quel tipo di persona speciale, di quelle che tolgono a se stesse per dare agli altri, e non lo faceva solo con me o con i suoi nipoti, ma con tutti.

Era originaria di Caserta e ha conosciuto nonno a Napoli, per poi trasferirsi a Genova dopo che è nato mio papà. Nonna Brigida era la classica donna del sud: apprensiva, piena di attenzioni, affettuosissima.

Da quando sono nato, finché c’è stata non sono mai passati più di tre giorni senza che la vedessi. Per lei ho provato e provo un amore enorme.