Allergia al gatto: come si manifesta


allergia al gatto


Allergia al gatto: come si manifesta. Sintomi e rimedi.

L’allergia al gatto, e’ un tipo di allergia che ultimamente sta prendendo sempre più piede, a causa della crescente abitudine di far vivere questo amatissimo animale in casa.

Come si manifesta?

Con la perdita del pelo, l’allergene viene dispersa nell’ambiente, depositandosi sui mobili e sugli abiti e da questi viene trasportata in altri ambienti esterni all’abitazione come scuola, ufficio, casa di amici. Gli allergeni del gatto, ossia gli agenti che causano allergia, persistono a lungo, anche con le pulizie più radicali e l’allontanamento dell’animale.

allergia al gatto

L’allergia al gatto si può manifestare in modo diverso a seconda della sua gravità. In alcuni casi determina l’insorgenza dell’asma, dell’orticaria, delle polmoniti da ipersensibilità e degli shock anafilattici. Si tenga presente che le reazioni allergiche solitamente tendono ad aggravarsi con il tempo, in modo particolare quando il contatto con l’allergene prosegue immutato.


Leggi anche: Morbo di Morgellons Sintomi: cos’è e come si manifesta

Rimedi per combattere l’allergia al gatto

Anzituto è bene adottare misure igienico-preventive, quali:

– la riduzione dei serbatoi di allergene (come tappeti, sofà, ecc.);

– l’evitare di far entrare l’animale nelle camere da letto;
– il coprire materassi, cuscini, piumoni o coperte con tessuto barriera;
– l’impiego quotidiano dell’aspirapolvere con adeguato sistema di filtrazione;
– l’instaurazione di sistemi di ventilazione con filtri ad alta efficienza;
– il lavare frequentemente gli indumenti perché in essi l’allergene si accumula in grandissima quantità.
– il considerare l’allontanamento del gatto come soluzione più efficace ( nei casi di allergia grave e cronica);
– qualora non si voglia allontanare l’amico procedere con un bagnetto ogni due settimane;

Ad una accurata pulizia va aggiunto il trattamento farmacologico. Si consiglia una cura specialistica presso un medico allergologo , che saprà consigliarvi in merito. Attualmente la vaccinazione anti-allergica rappresenta, come sancito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’unico trattamento radicale di questa forma allergica.

N.B. Da una recente ricerca è emerso che il gatto siberiano è l’unico a produrre una più bassa quantità di proteina Fel D1 (la proteina che causa le reazioni allergiche). Inoltre è dotato di un pelo idrorepellente (impermeabile) per resistere alle frequenti nevicate della gelida regione russa di cui è originario. Per cui viene considerato senz’altro il gatto che provoca meno allergie.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta