Cassano Malore, ecco la sua malattia


E’ notizia di questi giorni, il tragico malore che ha colpito il giocatore del Milan Antonio Cassano. Un malore che appare quasi come ‘misterioso’ nelle sue origini e i cui effetti –a parte la discrezione dei medici che hanno in cura il calciatore, giustamente avari di notizie- non sono ancora immaginabili del tutto. Ma di che malattia si tratta esattamente, quali sono i sintomi con i quali si manifesta? E chi può venirne colpito? Si chiama Forame Ovale Pervio, o anche in sigla Pfo, e viene considerata purtroppo una patologia piuttosto comune. In pratica, il sangue si sposta da un atrio all’altro del cuore ma senza essere filtrato dai polmoni. Questo processo dà come effetti sintomatologici forti vertigini, incapacità nell’emettere le parole, turbe della vista e difficoltà motorie anche importanti.

Tutti sintomi che, come ben si sa, sono riconducibili all’ictus celebrale. Per questo motivo, ad Antonio Cassano è stato diagnosticata per prima questa malattia. In realtà, esami più approfonditi ed accurati hanno palesato la presenza proprio della Pfo. Come spiega il prof. Guidalberto Guidi, cardiologo della clinica Fornaca di Torino (nonché medico di fiducia della Juventus FC): “Si tratta di un difetto del setto che divide i due atri, solitamente a livello della ‘fossa ovale’ normalmente e’ presente alla nascita, ma nei primi giorni di vita tende spontaneamente a chiudersi, impedendo al sangue di mescolarsi. Se cio’ non avviene, nella vita adulta puo’ succedere che microtrombi, magari formatisi in seguito ad ematomi da trauma, possano passare indisturbati dal sangue venoso al sangue arterioso e andare ad embolizzare e ostruire il flusso in qualche arteria, se avviene nel cervello si manifesta l’ischemia cerebrale “. Pare che di questo difetto siano investite ben il 25% delle persone adulte interessate. Non un dato trascurabile, quindi.

Cassano Malore, ecco la sua malattia


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta