Come difendersi dal caldo


Giorni di gran caldo, questi. Un mese di luglio 2012 che, per le alte temperature fatte registrare in tutto il nostro paese, ha fatto parlare gli esperti metereologi di ‘estate più calda degli ultimi 50 anni’. Il grande caldo può risultare assolutamente rischioso per le persone, soprattutto per alcuni individui che risultano a rischio disidratazione. Parliamo soprattutto di anziani, bambini e donne che, più di altri, devono fare attenzione a mantenere la giusta idratazione del proprio corpo. Ecco cosa dicono gli esperti dell’Osservatorio Sanpellegrino: ”Ci sono momenti nella vita di una donna in cui un adeguato apporto di calcio e magnesio puo’ influire sul decorso di patologie importanti come l’osteoporosi. Puberta’, gravidanza, allattamento e menopausa, sono sicuramente tra i periodi piu’ rappresentativi”. ”Bere un’idonea quantita’ di acqua influenza positivamente il volume del fluido amniotico, il benessere fetale e promuove la rimozione dei prodotti tossici del metabolismo. Vista la segnalazione da parte di societa’ scientifiche di casi di aborti spontanei, difetti alla nascita e complicanze perinatali associati alla pratica di clorazione o di ozonizzazione dell’acqua di rete, e’ consigliato l’uso di acqua minerale nelle donne in eta’ riproduttiva”. Questo per quanto riguarda le donne. E gli anziani? ”Hanno un alterato senso della sete, e una diminuzione della capacita’ di concentrazione delle urine da parte del rene che, insieme a una diminuita efficienza dei sistemi ormonali di controllo e alla diminuzione dell’acqua corporea totale, sono le quattro principali cause di disidratazione ed eccessiva presenza di sodio nel sangue dell’anziano”. Per quanto riguarda i bambini, dovranno essere i genitori a sincerarsi del fatto che, in giorni così caldi, introducano nel proprio organismo liquidi a sufficienza. Per tutti quanti, in generale, l’imperativo è: bere tanta acqua!


Come difendersi dal caldo

 

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta