Coronavirus, dove buttare guanti e mascherine?


Le indicazioni del presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e le linee guida dell’ente per il corretto smaltimento dei dispositivi di protezione individuale nei rifiuti delle nostre abitazioni. 

womanMaskWeb


Connesso alla Fase 2 dell’emergenza Coronavirus sta emergendo sempre di più il problema legato allo smaltimento, nell’immondizia, del materiale igienico-sanitario anti-contagio: tra i più comuni ci sono guanti e mascherine monouso.

Durante l’audizione alla Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro, ha spiegato come smaltirli nei contesti domestici.

Coronavirus, rifiuti: come fare se si è negativi al Covid-19

mascherine guanti generica

Non per tutti valgono le stesse indicazioni, come ha sottolineato innanzitutto Brusaferro. Le linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità distinguono i casi delle persone risultate positive da quelli delle non positive al Coronavirus.


Leggi anche: Coronavirus: guanti, regole per il corretto uso

Per i cittadini non positivi si propone di mantenere la formula normale“. Tuttavia, quando si parla di guanti e mascherine, questi devono venire “sempre posti nell’indifferenziata ma con un sacchetto ad hoc all’interno”. Ciò affinché “la superficie rimanga confinata all’interno del sacchetto e non consenta di entrare in contatto con gli operatori ecologici che poi maneggiano questo tipo di cose. Dove si fa la raccolta differenziata non c’è motivo per sospenderla”, ha detto Brusaferro.

Mascherine e guanti: come smaltirli se si è positivi al Coronavirus

positivo covid 19

Le avvertenze sono diverse per i cittadini che risultano positivi al Covid-19 al tampone e sono in quarantena obbligatoria. Questi ultimi, ha detto ancora il presidente dell’Iss, “producono dei rifiuti che devono essere classificati come potenzialmente infetti e vanno trattati con attenzione”.

In questi casi, dunque, si è raccomandato Brusaferro, “sia interrotta la raccolta differenziata”. Non solo. “Tutti i rifiuti domestici, indipendentemente dalla loro natura e includendo fazzoletti, rotoli di carta, i teli monouso, mascherine e guanti, siano considerati indifferenziati e pertanto raccolti e conferiti insieme”. Resta la stessa, invece, l’indicazione di gestire questi rifiuti all’interno di un doppio sacchetto confezionato e chiuso in modo tale che il contenuto non si possa disperdere.

Ffp1-Ffp2-Ffp3-Particulate-Respirator-Mask

La procedura di smaltimento dei dispositivi di protezione individuale (dpi) dipende anche dal tipo di mascherina e dall’ambiente in cui vengono usati. Le mascherine Ffp2 e Ffp3, in realtà, sarebbero per il personale medico. Se vengono utilizzate in ambito lavorativo, sono da considerare come rifiuto speciale e smaltite dalla ditta che le ha fornite al lavoratore come dpi monouso (salvo non sia previsto come assimilato dal Regolamento comunale e quindi conferito come urbano). Se invece sono usate dai cittadini, vanno tra i rifiuti indifferenziati.

Commenti: Vedi tutto