Il boom del ritocco al maschile


In tutto il mondo si registra un boom del ritocco al maschile. La chirurgia estetica non è più solo una prerogativa della donna ma, sempre di più, ha influenzato anche l’emisfero maschile.

La testata giornalistica tedesca Bild riporta i dati della Società tedesca dei chirurghi estetici, secondo la quale un intervento su tre di correzione al collo e uno su cinque al naso è effettuato su un paziente uomo. Prosegue inoltre sostenendo che dei 500.000 interventi di chirurgia plastica estetica effettuati in un anno un terzo riguarda gli uomini. Tra questi i più richiesti sono il trapianto dei capelli, l’eliminazione del doppio mento, la liposuzione all’addome, la blefaroplastica e il lifting.


Passiamo ora in Inghilterra dove il blog Huffington Post UK afferma che secondo il principale servizio di chirurgia estetica il Inghilterra, Transform, nello scorso anno è aumentato del 28% rispetto all’anno precedente il numero di uomini che si sono sottoposti a un intervento di ginecomastia.

Al di là dall’oceano, negli Stati Uniti si conferma la stessa identica tendenza. Anche qui nell’ultimo anno l’intervento più richiesto è stato la ginecomastia, con un aumento del 5% degli interventi di chirurgia plastica effettuati sugli uomini.

Ecco quindi che dall’Europa all’America sempre più uomini ricorrono al bisturi, e anche alla cosmesi, per correggere difetti e imperfezioni del viso e del corpo.

Anche qui da noi in Italia, nonostante la crisi, sono sempre di più i maschi che scelgono di ricorrere alla chirurgia estetica. Gli interventi che vanno per la maggiore sono addominoplastica e blefaroplastica, senza dimenticare poi la rinoplastica che tra gli interventi al volto si posiziona al primo posto.


Leggi anche: Ritocco del make up fai da te

Magari, almeno nell’immediato, non ci si aspetta un sorpasso sulle donne, ma in futuro non è certo da escludere. Quello che è sicuramente certo per il momento è che gli uomini sono diventati una componente fondamentale del mercato della chirurgia estetica, si parla infatti di un 30% degli interventi effettuati sugli uomini, il che è davvero un dato alto.

chirurgia-uomo

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta