Per chi ama la liquirizia: se è pure non alza la pressione


La liquirizia è una vera passione! E, come tale, colleziona milioni di appassionati in tutto il mondo. Sarà per quel suo gusto leggermente selvatico, sarà per quel suo profumo inconfondibile che, a molti di noi, fa tornare in mente ricordi d’infanzia. Sta di fatto che, intorno a questa radice gustosa, da un po’ di tempo circolano delle informazioni un po’ sbagliate. Pare sia di comune credenza, infatti, che la liquirizia tenda ad alzare la pressione. Ovviamente, come immaginabile, questa notizia ha messo in allarme moltissime persone, in special modo colore che magari, di pressione alta, ci soffrono per davvero e temono di peggiorare la situazione mangiando liquirizia. Ma facciamo un po’ di chiarezza.


Innanzitutto stiamo parlando di una radice che in realtà possiede tutta una serie di virtù benefiche: ha proprietà antiallergiche, antiepatotossiche, emollienti e la cosa bella è che tutto questo è racchiuso in un prodotto del tutto naturale, reperibile a buon prezzo. Ma allora a cosa si riferisce l’allarme circa la sua presunta proprietà di far salire vertiginosamente la pressione? Ed ecco dove nasce l’equivoco: noi siamo abituati ad immaginare la liquirizia solo nella sua forma ‘trasformata’, cioè ad esempio in caramelle o ‘stringhe’. E sono proprio i dolci contenuti in questa forma a creare problemi di pressione alta. In parole povere, la responsabile non è la liquirizia in sé, bensì le sostanze edulcoranti che vengono immesse nelle caramelle ‘di’ liquirizia. Quindi, se amate la liquirizia, continuate pure a mangiarla, ma a un solo patto: che sia nella sua forma più pura e ‘benefica’, cioè quella di radice…

Per chi ama la liquirizia: se è pure non alza la pressione


Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta