Vitamina C Alimenti che la contengono: una lista utile per le vostre energie


Quando arrivano i primi freddi, soprattutto nella stagione autunnale ed invernale, cominciano anche i primi raffreddori e le influenze. Solitamente, quando si è ammalati, è buona regola assumere spremute di arancia. Ma da cosa nasce esattamente questa sana pratica? L’arancia, come si sa, è piena di vitamina C che ha delle grandi capacità di ossidoriduzione. L’ acido L-ascorbico, cioè la vitamina C, grazie a queste sue capacità, diventa utilissimo al nostro organismo in tutti quei processi che interessano le reazioni metaboliche importanti, come ad esempio l’eliminazione dei dannosi radicali liberi, la riduzione dell’acido folico, l’incremento di capacità di assorbimento del ferro. Insomma la vitamina C si rivela utilissima nei processi di difesa delle cellule. Ma dove possiamo trovare in natura la vitamina C? In molti tipi di frutta e di verdura, ad esempio, in particolare nei già sopra citati agrumi, poi nei peperoni, nei kiwi, nei pomodori, negli ortaggi a foglia verde.

Ma bisogna ricordarsi di assumere questi alimenti ricchi di vitamina C abbastanza freschi, questo perchè l’ acido L-ascorbico tende a degradarsi facilmente. In ogni caso, bisognerebbe ricordarsi di assumere vitamina C tutti i giorni con l’alimentazione, non soltanto dei periodi in cui si ha il raffreddore o la febbre. Le quantità minime di tale vitamina che un adulto dovrebbe assumere per evitare, fra le altre, lo scorbuto, sono di 10 mg circa al giorno, ma la quantità giusta sarebbe di 60 mg al giorno. Ma, come tutte le vitamine e in generale le sostanze che dobbiamo assumere per garantirci un benessere fisico generale, non bisogna esagerare. Infatti, un eccesso di acido ascorbico può portare altri tipi di problemi a carico del nostro organismo.

Vitamina C Alimenti che la contengono: una lista utile per le vostre energie


Vuoi ancora più SoloDonna?

Accedi gratuitamente ai nostri video, news e anticipazioni.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta