10 trucchi per migliorare l’aria di casa e ufficio

04/06/2020

Negli ambienti chiusi dove stiamo ogni giorno potrebbero esserci possibili fonti di inquinamento, da evitare con semplici accorgimenti. 10 consigli dell’Istituto Superiore di Sanità.

Home

Forse non lo avreste mai detto. Ma sapete qual è ritenuto il principale agente inquinante all’interno degli ambienti domestici? Il fumo di sigaretta.

In casa e in ufficio, comunque, occorre stare attenti anche a detersivi, vernici, solventi, tappezzerie, candele o incensi.

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ha indicato poche e semplici regole nell’apposito opuscolo “L’aria della nostra casa, come migliorarla?”, una guida per mantenere il benessere dell’ambiente all’interno di luoghi chiusi: abitazioni, aziende, scuole, banche, ospedali.

Il decalogo per un’aria sana e pulita nei luoghi chiusi

Baking, Soda

1) “Il pulito non ha odore: non eccedere con l’uso di prodotti per la pulizia quali detergenti e detersivi, con deodoranti e diffusori di profumi di vario tipo. Per le pulizie quotidiane, preferire aceto e bicarbonato di sodio”.


Leggi anche: Belen mostra il suo bagno: le foto

2) Armarsi dei prodotti più aggressivi (es. acido muriatico, candeggina, ammoniaca) solo quando strettamente necessario.

3) “Può essere pericoloso miscelare certe soluzioni, come quelle contenenti candeggina o ammoniaca, con sostanze acide come gli anticalcari”.

4) Prima di utilizzare qualcosa per pulire o detergere, leggere sempre attentamente le etichette, rispettando indicazioni e consigli riportati sulle confezioni, a partire dai dosaggi. Durante le attività domestiche, tenere aperte le finestre e, se si sta cucinando, accendere anche la cappa.

, Upholstery

5) Occhio al tabacco: “Gli inquinanti chimici rilasciati dal fumo rimangono su pareti, arredi, tende e tappezzerie per lunghi periodi, costituendo un rischio per la salute, soprattutto per quella dei bambini“.

6) Cambiare l’aria di frequente, soprattutto negli ambienti con mobili e arredi nuovi, che potrebbero rilasciare inquinanti chimici per lungo tempo, e in quelli sottoposti a recente ristrutturazione e verniciatura.

7) Se possibile, dedicarsi all’esterno ai lavoretti fai-da-te che prevedono l’uso di materiali da bricolage come solventi, colle, vernici, sigillanti, cere e olii, da adoperare sempre in modo consapevole e con moderazione.

Pet

8) Limitare l’utilizzo di insetticidi. Ci sono in giro animali domestici? “Rimuovere gran parte degli allergeni contenuti nelle polveri, su arredi, abiti e biancheria. Passare regolarmente sui pavimenti l’aspirapolvere e uno straccio umido”.

9) “Far prendere aria agli abiti ritirati dalla lavanderia, prima di riporli negli armadi. Lavare regolarmente tappezzerie e tende“.


Potrebbe interessarti: Come raccontare la pandemia ai bambini: consigli per i genitori

10) “Evitare elevati valori di temperatura e umidità dell’aria per prevenire l’aumento di inquinanti indoor chimici e la formazione e la proliferazione di muffe, acari e altri agenti biologici. Pulire regolarmente i filtri dei condizionatori”.

Cristina Damante
  • Autrice
  • Esperta in: Gossip, Serie Tv e Reali d'Inghilterra
  • Laureata in Scienze della Comunicazione
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter