Alessia Marcuzzi indignata: “è uno scandalo”

25/03/2021

Che cosa è accaduto di così grave da aver scandalizzato Alessia Marcuzzi? La conduttrice de Le Iene ha fatto un appello in tv contro l’aggressione di una coppia di ragazzi gay aggrediti a Roma e si è schierata a favore della proposta avanzata dal deputato Zan contro l’omofobia.

marcuzzi

Alessia Marcuzzi è arrabbiata, indignata. L’aggressione omofoba che è avvenuta a Roma proprio non le va giù. E così ha voluto lanciare un appello in tv, durante Le Iene, programma che conduce insieme a Nicola Savino, schierandosi apertamente a favore del ddl Zan, il decreto legge contro l’omofobia approvato alla Camera ma non ancora in Senato.

Il fatto

Schermata 2021-03-25 alle 15.31.47


Leggi anche: Alessia Marcuzzi, positiva al Covid, abbandona “Le Iene”

Due ragazzi omosessuali sono stati presi a calci e pugni da un uomo alla stazione Valle Aurelia poiché si erano scambiati un bacio sulla bocca.

L’uomo non ha gradito assolutamente il gesto e si è scagliato in maniera vergognosa e assolutamente inaccettabile contro i due ragazzi gay. L’aggressore è stato per fortuna identificato dalle Forze dell’ordine grazie al video che uno dei due ragazzi aggrediti è riuscito a girare.

Il video, postato quindi in rete, è diventato immediatamente virale e ha scatenato lo sdegno e la disapprovazione generale.

L’indignazione di Alessia Marcuzzi

Schermata 2021-03-25 alle 15.31.56

Ecco le parole della conduttrice in diretta tv Le Iene

“È uno scandalo che in Italia non ci sia una legge contro l’omotransfobia. Non c’è una legge che possa tutelare una persona aggredita in questo modo. Siccome c’è una petizione a favore della legge, firmatela, perché è importantissimo”.

Anche Nicola Savino e la Gialappa’s Band si sono uniti al suo appello. Intanto il relatore del ddl, Alessandro Zan, deputato del PD, ha pubblicamente ringraziatola Marcuzzi via social:

“Alessia Marcuzzi e Le Iene per l’appello a firmare la petizione a sostegno della legge contro l’omotransfobia, la misoginia e abilismo lanciata da Da’ voce al Rispetto! Un’altra dimostrazione che questa è una battaglia di tutte e tutti noi: i diritti non hanno colori politici”, fa sapere.


Potrebbe interessarti: Alessia Marcuzzi sostituita da Nadia Toffa per un incidente

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter