Amici, Albe ostacolato dalla famiglia: i genitori non volevano che…

Ilaria Bucataio
  • Dott. in Scienze della comunicazione
16/06/2022

L’avventura di Albe ad Amici è iniziata con un ostacolo di cui fino ad ora non aveva mai parlato. Il giovane cantante ha confessato che non è stato semplice convincere i suoi genitori ad appoggiarlo nel suo sogno di fare musica: quando gli ha comunicato che avrebbe partecipato ad Amici la reazione non è stata proprio entusiasta… 

Amici, Albe ostacolato dalla famiglia: i genitori non volevano che…

Albe (nome d’arte di Alberto La Malfa) è stato uno dei finalisti della scorsa edizione di Amici, dove ha fatto parte della squadra di Anna Pettinelli. I suoi singoli “Millevoci” e “Giravolte” sono diventati subito delle hit, e ora che il suo percorso nel talent di Maria De Filippi è terminato, Albe si sta affacciando al mondo della musica come un vero professionista.

Il cantante, nato nel 1999 ad Alfianello (Brescia), ha confessato che non è stato semplice convincere i suoi genitori del fatto che la sua strada fosse quella della musica. Albe, in una recente intervista, ha rivelato che la reazione di mamma e papà, alla notizia della sua partecipazione ad Amici, non è stata così positiva…

Amici, Albe: il rapporto con i genitori

Amici, Albe ostacolato dalla famiglia: i genitori non volevano che…

Albe, infatti, ha spiegato che per i genitori non è stato facile accettare che il figlio volesse fare il cantante. La prima preoccupazione da parte loro è stata quella di un futuro incerto, che li ha portato a non reagire bene:

E’ strano per un genitore pensare che il proprio figlio potrebbe lavorare con la musica. Soprattutto venendo da un paesino piccolo e con la mentalità ristretta. Non mi ritengo ancora arrivato ovviamente. Ma comunque sì, quando ho detto a mio papà che volevo iscrivermi ad Amici mi ha mandato un po’ a quel paese.

Il cantante, dopo aver fatto questa rivelazione, ha specificato come mai il padre inizialmente si è opposto alla sua partecipazione al talent, aggiungendo che ora entrambi i suoi genitori sono felici e orgogliosi:

Non perché non voleva, ma forse perché non ci credeva nemmeno lui. Ora invece mia mamma ha fatto due o tre cartonati miei a grandezza naturale. Così quando non ci sono io, ci sono loro. Mentre mio papà è diventato un algoritmo vivente: sa tutti gli ascolti dei miei pezzi e sa di quanto aumentano.