Azzurre a Tokyo 2020

Amici: Arisa in lacrime dopo l’esibizione di Raffaele

07/02/2021

I battibecchi tra Arisa e Rudy Zerbi sono all’ordine del giorno tra i banchi dei coach di Amici di Maria De Filippi; dopo l’esibizione di uno dei pupilli di Arisa, Raffaele, il discografico ha abbandonato lo studio in segno di sdegno. “Sei irrispettoso”  lo attacca la cantante.

1608650991599-6-arisa

Arisa e Rudy Zerbi sono come cane e gatto, litigando ogni giorno tra i banchi dei coach di Amici di Maria De Filippi; durante la puntata del daytime del 6 febbraio, l’esibizione di Raffaele, allievo di Arisa, ha causato molti problemi e liti.

“Tu hai gli occhi colmi di lacrime, lui invece è impassibile. Se vuoi prendi un bicchiere d’acqua. Tu sei emozionata e lui no”.

Queste le parole di Zerby a seguito dell’esibizione del giovane che, ormai è chiaro, non piace minimamente al discografico, mentre Arisa ogni volta mostra palese commozione.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il gesto plateale di Rudy che è uscito dallo studio durante l’esibizione; un gesto irrispettoso che ha fatto scattare la cantante lucana, accusando Zerby di non essere rispettoso.


Leggi anche: Amici, Rudy Zerbi minacciato di morte

La lite tra Arisa e Zerby “sei arrivata alle lacrime”

Arisa-e-Rudy-Zerby-screen-video

Gesti come quello di Zerby non sono del tutto nuovi durante il programma, ricco di liti e gesti come quello, ma per Arisa è davvero troppo.

Mostrare così poco rispetto nei confronti di un giovane per la cantante non è accettabile, irrispettoso e poco carino:

“Non si può piacere a tutti. Sennò ti chiamavi Nutella”.

Zerby però pare non essere ancora abbastanza soddisfatto dei disagi causati ad Arisa, accusandola di essere troppo emozionata e di doversi calmare:

“Ti porterai quest’emozione per tutta la puntata? Se vuoi ci fermiamo un attimo”.

La situazione però è diventata talmente ingestibile per tutti i coach, richiedendo l’intervento di Anna Pettinelli che ha rimesso in riga l’uomo, intimandogli di rispettare la sensibilità di tutti.

 

Vito Girelli
Suggerisci una modifica