Andrea Scanzi rassegnato: “Siamo al crepuscolo del genere umano”

- 25/09/2020

Andrea Scanzi sul suo profilo Facebook commenta fatti di attualità e politica. Questa volta il giornalista ha scelto di parlare del terribile atto di bullismo contro una ragazza straniera a Roma.

andrea-scanzi


Andrea Scanzi è un noto giornalista e scrittore. Su Facebook Andrea prende posizione e si batte per far valere il suo pensiero. Nell’ultimo periodo il giornalista si era perlopiù dedicato a parlare di politica, in occasione delle elezioni. Adesso però Andrea non ha potuto fare a meno di commentare uno spregevole atto di bullismo che si è verificato a Roma.

Il giornalista in uno dei suoi ultimi post racconta e commenta l’attacco ad una giovane ragazza straniera ad opera di alcuni suoi compagni di scuola!
Scopriamo insieme cosa ha detto Scanzi in merito.

Andrea Scanzi: l’aggressione alla ragazza straniera


Leggi anche: Giulia De Lellis su Andrea Damante: Non siamo fidanzati

120201554-4006619506021014-6226021987553308325-o

Sul suo profilo Facebook Andrea ha postato una foto dell’articolo del Fatto Quotidiano, dove si parla della terribile aggressione ad una giovane ragazzina di Roma.
La ragazza ha solo 13 anni e dopo una anno di insulti e violenza verbale alla fine c’è stata un’aggressione. Un atto ignobile e ingiustificato, al quale oggi assistiamo sempre più spesso.
In questi momenti viene fuori tutto il marcio del nostro paese e tutta la violenza e la cattiveria, che ormai caratterizza anche i più giovani. Il post di Andrea inizia così: “Eccolo, il branco. Eccoli, i bravi ragazzi. I bambini immacolati, bianchi e italiani, protetti e viziati, non criticabili e iper-giustificati”.  Scanzi si scaglia subito contro gli aggressori, sapendo che quasi sicuramente in tantissimi li difenderanno, e minimizzeranno l’accaduto. Poi continua ed entra nel vivo del racconto:

“È una storia di bullismo durata un anno, finita con un’ultima esplosione di violenza. La vittima ha 13 anni. La sua colpa? Il colore della pelle.Roma, quartiere Collatino. Tutto inizia nel settembre 2019 quando la vittima, allora dodicenne, viene presa di mira da compagni di scuola superiore più grandi di lei. La bambina ha così paura che smette di andare a scuola.Il lockdown, paradossalmente, le ridà sicurezza. Poi la scuola riparte e le vessazioni pure. Offese razziste. E poi violenza.Fino allo scorso 16 settembre”.
Il 16 settembre mentre la ragazza e una sua amica, si stavano recando al compleanno di una compagna di classe, incrociano in un parco i bulli che la tormentano. Ed ecco cosa accade:


Potrebbe interessarti: Andrea Scanzi ridicolizza Daniela Santanchè

“‘Araba di m… Tornate al vostro Paese. Figli di pu…..’Dalle parole ai fatti: uno schiaffo, la caduta a terra, una dei due aggressori le salta addosso, la colpisce al volto. Il gruppo di amici dei due bulli violenti non li ferma, anzi: li incita. Ci sono sputi. E un filmato che poi girerà sulle chat della scuola, racconta la 13enne ai carabinieri. Siamo al crepuscolo del genere umano“.
Un racconto terribile, che lascia senza parole!

Commenti: Vedi tutto