Andrea Scanzi: “Rispettiamo le regole ca**o”

- 19/10/2020

Andrea Scanzi, noto giornalista e scrittore, ogni giorno si scaglia contro coloro che non rispettano le norme prescritte per contenere il Covid-19. In uno dei suoi ultimi post Scanzi ha deciso di commentare un video pubblicato da Selvaggia Lucarelli. 

andrea-scanzi-la-politica-è-una-cosa-seria-rizzoli


Andrea Scanzi è una delle rinomate penne del Fatto Quotidiano. Quotidianamente tramite il suo profilo Facebook commenta fatti di attualità e politica, e condanna i comportamenti sbagliati dei politici e non.
In particolare uno dei temi recentemente più trattati da Andrea è quello del virus; Scanzi sui suoi social combatte una vera e propria battaglia contro coloro che non rispettano le norme per contenere il  Covid-19. Soprattutto adesso che è uscito il nuovo DPCM.
In uno dei suoi ultimi post su Facebook il giornalista ha deciso di condividere in video che ha visto sul profilo di Selvaggia Lucarelli dove si può “ammirare” un gruppo numeroso di persone assembrate fuori da dei locali ad Albenga.
Scanzi non si è per nulla risparmiato e ha duramente criticato il comportamento scellerato di tutti i presenti nel video.


Leggi anche: Andrea Scanzi e le feste incoscienti: “Organizzatori imbecilli”

Andrea Scanzi contro chi non rispetta le regole

savona-3-1280×720

Andrea Scanzi si indigna vedendo il video pubblicato da Selvaggia Lucarelli. Entrambi tramite i loro profili Facebook commentano fatti di attualità e si scagliano contro chi non rispetta le regole. Ma scopriamo nello specifico cosa ha scritto il giornalista:

“Qui siamo ad Albenga. Due sere fa. È un video che ho visto nella pagina di Selvaggia Lucarelli. Dopo le 23 era pieno di gente in piedi senza mascherina fuori dai locali. L’opppsto delle nuove regole. Ma ecco il “capolavoro”. Poco prima di mezzanotte, un locale si azzarda a spegnere le luci per invitare la gente ad andar via e rispettare l’ordinanza. Risultato? Lo seppelliscono di fischi e bestemmie“.

Inseguito poi si scaglia contro coloro che continuano a minimizzare la situazione, e a sostenere che non servono regole quando c’è il buonsenso:

“A quelli come Cacciari che dicono che non servono le regole perché “l’uomo sa autoregolamentarsi”, dico che certe teorie utopiche sono puerili. E trovo terrificante che io, o peggio una persona a me cara, possano ammalarsi per colpa del comportamento scellerato di troppi egoisti colpevoli. È però anche un limite del governo. Le regole ci sono? Bene, fatele rispettare. Polizia, esercito, multe come se piovesse. E chi non ci sta va in galera”.

Infine poi conclude: “Questa “rumenta” che bestemmia e insulta chi rispetta le regole è semplicemente imperdonabile. Rispettiamo le regole, cazxo!” obbiettivamente nella situazione in cui siamo è impossibile non condividere le parole di Scanzi.


Potrebbe interessarti: Vasco Rossi “distrugge” un hater: Andrea Scanzi lo esalta

Commenti: Vedi tutto