Andrea Scanzi teme l’apocalisse elettorale: avrà ragione?

- 21/09/2020

Andrea Scanzi  in uno dei suoi ultimi post  Facebook ha ricordato che ormai, manca poco alla fine delle elezioni, e ha condiviso con i fan la tragica situazione che sta per verificarsi nella sua Toscana e in Puglia. 

andrea-scanzi


Andrea Scanzi  è un noto giornalista e scrittore. Ogni giorno tramite il suo profilo Facebook esprime il suo pensiero; in questo ultime periodo Andrea ha parlato molto delle elezioni di domenica 20 Settembre e lunedì  21 settembre. Il giornalista ha raccontato il suo punto di vista sul referendum e  sul voto per le regionali.
In particolare parlando della situazione della sua Toscana e della Puglia. Nel suo ultimo post ha raccontato ai suoi fan che la situazione non è per nulla buona. Scopriamo insieme cosa ha detto Andrea Scanzi su Facebook.

Andrea Scanzi commenta i possibili risultati delle elezioni

120026612-3994918907191074-7388051442307460405-o

Andrea Scanzi ha raccontato ai suoi fan di aver ricevuto un altro messaggio dalla Ceccardi, che entusiasta racconta a tutta la sua rubrica, che orma sono vicini a raggiunger l’obiettivo tanto atteso.
Ebbene sì, a poche ora dalla fine dell’elezioni il giornalista svela che la situazione non è per nulla buona; e allo stesso tempo parla dei “responsabili” di questa, (come la chiama lui) “apocalisse elettorale”. Ecco cosa ha detto in merito Andrea:


Leggi anche: Andrea Scanzi “denuncia” Susanna Ceccardi e il suo messaggio elettorale

“Mancano poche ore alla fine delle elezioni (si può votare fino alle 15). Ho appena ricevuto su whatsapp un altro messaggio della Ceccardi, che ribadisce a tutta la sua rubrica: “pareva impossibile…ma siamo vicini all’obiettivo. Purtroppo è vero. Anche le rilevazioni di ieri sera, che chiaramente in Rete non trovate, raccontavano uno scenario da Nadal-Carreno Busta quest’anno a Roma”.
Inseguito poi Scanzi svela chi secondo lui sono i responsabili di questo disastro sono:
Renzi, che dopo aver distrutto tutto (anche) in Toscana, ha imposto in quella stessa regione un candidato percepito come indigeribile da sinistra e 5 Stelle.
E in Puglia, oltre allo stesso Renzi che ha scelto Scalfarotto per togliere decimali all’odiato Emiliano, ovviamente la premiata ditta Laricchia & Lezzi, lanciate a bomba contro la loro splendida regione (e il governo nazionale di cui in via teorica farebbero parte). Per pura vanagloria personale e miopia politica. Un atto politico di gravità è incoscienza inaudite”.

Infine il giornalista invita tutti ad andare a votare e provare a fare la differenza:“Ora, però, fino alle 15 provateci. Se non lo avete ancora fatto: agite. Scegliete con la testa. Turatevi (purtroppo) il naso. E non siate né miopi né ignavi.
Buon voto”.

Commenti: Vedi tutto