Barbara D’Urso: polemiche infinta su cani e candeggina

- 31/03/2020

A “Pomeriggio 5” un esperto aveva suggerito di usare la sostanza disinfettante in forma diluita per pulire le zampe degli animali, suscitando molte critiche. In trasmissione, poi, è intervenuto il Presidente dell’Associazione Nazionale dei Medici Veterinari Italiani a fare chiarezza. 

hind-leg-weakness-in-dogs-HP-long


Nella diretta di Pomeriggio 5 di lunedì 30 marzo, su Canale 5, condotto da Barbara D’Urso, Marco Melosi, il Presidente dell’Associazione Nazionale dei Medici Veterinari Italiani è intervenuto sulle buone pratiche igieniche da seguire dopo la passeggiata con i nostri quattrozampe, in piena emergenza Coronavirus.

L’esperto Melosi ha voluto chiarire quanto affermato dal veterinario Enrico Zibellini nella puntata del 27 marzo 2020, in cui Zibellini consigliava l’uso della candeggina diluita per pulire le zampe degli animali domestici. Un suggerimento che ha suscitato un vespaio di polemiche tra animalisti, pubblico e colleghi specializzati nello stesso settore.

Veterinari in rivolta: “No alla candeggina per pulire le zampe”


Leggi anche: Grande Fratello Filippo e la violenza terribile sui cani

dogpaw1-1280×720

Un caso per tutti. Sulle pagine de La Stampa ha raccomandato Luca Robutti, presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della provincia di Savona: «La candeggina non va assolutamente usata neanche diluita». Ha aggiunto Robutti: «Si rischia di fare dei danni anche molto seri. I cuscinetti nelle zampe sono molto sensibili, si potrebbero generare abrasioni o anche effetti peggiori qualora ad esempio l’animale poi si leccasse le parti trattate. Sul muso ancora più risolutamente no. Tra gli effetti nocivi potrebbe portare a vomito, erosioni della mucosa, del tartufo (il naso, ndr) e delle labbra».

Pomeriggio 5: “Il cloro è sostanza irritante, va diluito ad hoc”

D’Urso Marco Melosi

Lunedì 30 marzo 2020, in collegamento con Barbara D’Urso, a Pomeriggio 5, il dottor Melosi ha voluto fare ulteriore chiarezza. Ecco che cos’ha detto: «Il collega (Zibellini, ndr) faceva riferimento a una diluizione della candeggina. Il messaggio che voleva portare ai proprietari degli animali è che il cloro è molto attivo nei confronti del virus. Ovviamente il cloro è una sostanza irritante e deve essere utilizzata a particolari diluizioni».

Il Presidente dell’Associazione Nazionale dei Medici Veterinari Italiani ha fatto un esempio pratico. «Sui polpastrelli dei cani si possono impiegare prodotti come Amuchina spray, che ha una concentrazione dello 0,05%. Questo vorrebbe dire che due cucchiaini di candeggina in un litro d’acqua danno la stessa concentrazione di cloro presente nell’Amuchina. Quindi il collega ha detto una cosa giusta, si è solo dimenticato di dire la diluizione», ha concluso Melosi.

Commenti: Vedi tutto