Barbara D’Urso sconvolta: la conduttrice dice basta a…

Rachele Luttazi
  • Esperta in TV e Personaggi televisivi
20/05/2022

Barbara D’Urso è sconvolta e dice basta a quanto accaduto nelle ultime ore. Oggi è circolata la tragica notizia di un 16enne picchiato dalla famiglia soltanto per il suo orientamento sessuale, e la conduttrice ha deciso di dire al sua in merito all’aggressione avvenuta a Cosenza.

Barbara D’Urso sconvolta: la conduttrice dice basta a…

La tragica vicenda accaduta a Catania del ragazzo picchiato da suo zio soltanto per il suo orientamento sessuale ha sconvolto tutti in queste ore. L’aggressione è avvenuta il 17 maggio a danno di un 16enne, insultato e menato da suo zio insieme ad altri tre uomini, che gli hanno causato una frattura di quattro costole e deviato il setto nasale. L’unica “colpa” dell’adolescente, secondo suo zio e suo padre, quest’ultimo mandante del primo, è quello di essere omosessuale.

A prendere posizione a favore del ragazzo, in seguito a quanto accaduto, sono stati molti personaggi del mondo dello spettacolo, tra cui Barbara D’Urso. La conduttrice di Canale Cinque, infatti, ha scritto un post sui suoi canali social dove denuncia l’accaduto e afferma di voler sempre sostenere i diritti della comunità LGBTQ+.

Barbara D’Urso dice basta: “Lotterò e denuncerò”

È ormai da diversi anni che Barbara D’Urso si riconosce come paladina dei diritti della comunità LGBTQ+, rendendo spesso protagonisti dei suoi programmi diverse persone che appartengono alla comunità. Anche questa volta la conduttrice di Pomeriggio 5 ha deciso di prendere posizione e ha commentato la tragica vicenda di cui si sta parlando in questo ore sui giornali: un ragazzo è stato picchiato da suo zio solo per il suo orientamento sessuale e ad essere il mandante è stato il padre dello stesso ragazzo.

A proposito di questo terribile episodio, Barbara D’Urso ha condiviso un articolo in merito e ha scritto su Twitter:

E sapete perché? Perché aveva una bandana rainbow!!! Non ho davvero più parole davanti a questo… Ma io non mollo e finché ci saranno ancora casi come questi lotterò e denuncerò. Finché non ci saranno, chiederò leggi certe contro l’omofobia! BASTA! #stopomofobia #loveislove