Bonolis: Ciao Darwin torna in TV?

Ciao Darwin e Bonolis: li rivedremo di nuovo in tivvù? Il gettonatissimo programma, replicato con grande successo così tante volte,  avrà delle nuove edizioni? Ha svelato tutto direttamente il conduttore romano durante un’intervista. 

Ciao-Darwin-8-Paolo-Bonolis-02-cs2019

Ciao Darwin avrà un futuro in tivvù? Bonolis proporrà una nuova edizione, senza dover andare a rispolverare le repliche? Il conduttore ha svelato qualche retroscena, ha difeso il format dalle critiche, senza però nascondere il fatto che il programma piaccia, ed anche tanto. E poi ha rivelato cosa si prevede per il fortunato varietà.

Paolo Bonolis difende Ciao Darwin

1613948042026

Un grande successo, non c’è che dire: Ciao Darwin piace, e a confermare questo sono i numeri. Gli ascolti parlano chiaro e premiano il format ideato da Paolo Bonolis. Non solo quando è andato in onda le prime volte, ma anche quando sono state riproposte le repliche: il programma è salito sul gradino più alto del podio anche con le edizioni “vecchie”. Intervistato dal portale di Tiscali, il conduttore sessantenne ha difeso il suo programma  dalle critiche, ed ha detto:


Leggi anche: Bufera social su “Ciao Darwin” di Paolo Bonolis accusato di razzismo

“Non mi sono mai vergognato di fare un prodotto come “Ciao Darwin” anche perché l’ho scritto: e che sono scemo? L’ho anche venduto e ha stra funzionato non solo quando è andato in onda ma anche quando lo hanno replicato, e replicato, e replicato e replicato.

Quante volte? Direi troppe. Non mi sono mai pentito di averlo fatto e anzi mi sono molto divertito. Soprattutto nel leggere quelli che lo criticavano perché nel loro modo di vedere che rispetto profondamente non hanno capito una mazza.

Ciao Darwin, Bonolis: “Non credo possa tornare in tv”

paolo-bonolis

Riconosce la valenza del format, ma Bonolis è anche certo che sarà proprio difficile che Ciao Darwin possa tornare in tv. Il conduttore parla di “usura del prodotto” ed anche del fatto che è complicato da riproporre, soprattutto a 60 anni: troppe energie, insomma. Bonolis ha infatti rivelato:

Ma non credo che si possa tornare ora a fare “Ciao Darwin” sinceramente. Per quale motivo? Perché non mi va per una serie di ragioni: usura del prodotto, che meriterebbe un lasso di tempo per rasserenarsi e lasciare anche una scia di disponibilità emotiva da parte nostra per tornare a farlo. È un prodotto piuttosto incombente e ti assicuro che un conto è farlo a 35-38 anni, un conto farlo a 60. È veramente una mazzata.


Potrebbe interessarti: Ciao Darwin, Paolo Bonolis: polemiche su Madre Natura

Ciao Darwin, Bonolis rivela il segreto del programma

Paolo-Bonolis-Luca-Laurenti-Ciao-Darwin-1000 web contro tv

Il conduttore romano sottolinea come lo show sia  l’unico vero varietà in circolazione. Racconta che è molto divertente, e che da questo format siano poi usciti molti prodotti “derivati”. 

“Però è molto divertente. Anzi, credo che sia l’unico vero varietà perché è un fil rouge di due ore e 40 nel quale si schiudono 7/8 capitoli differenti. È scritto con capacità, poi magari non è sempre realizzato benissimo da parte mia. Ma si può dire che sia stato una specie di astronave madre. Da ‘Ciao Darwin”’ sono usciti spin off ovunque”.

Francesca Petruccioli
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, elenco Professionisti
  • Esperta in: Gossip, Tv e Vip
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica