Che tempo che fa: anticipazioni 16 maggio. Super ospite Sharon Stone

15/05/2021

Chi sarà il super ospite di questa domenica 16 maggio 2021 di Che tempo che fa? Chi si accomoderà sulla poltrona accanto alla scrivania di Fabio Fazio e verrà intervistato dal giornalista e conduttore? Si tratta della splendida Sharon Stone, che sarà in esclusiva su Rai 3 per presentare la sua autobiografia.

9F306DF2-F0F9-4667-BC4B-183778F42978

Nuovo appuntamento con Che tempo che fa domenica 16 maggio 2021 su Rai 3. Il programma condotto da Fabio Fazio, con ospiti fissi l’irriverente Luciana Littizzetto, Filippa Lagerbåck, Gigi Marzullo, Nino Frassica, Ale e Franz e Roberto Saviano protagonista di uno spazio d’approfondimento sull’attualità, si animerà di tanti ospiti, chi in studio, chi in collegamento.

Alle 20, come ogni domenica, va in onda Che tempo che fa–anteprima, alle 20.30 inizia invece Che tempo che fa, mentre alle 23 si passa a Che tempo che fa-il tavolo, con ospiti Filippa Lagerbåck, Mago Forest, Nino Frassica, Gigi Marzullo, Ale e Franz.


Leggi anche: Stasera in tv, oggi 15 agosto: Nessuno mi può giudicare e Basic Instinct

Sharon Stone super ospite di Che tempo che fa

Sharon-Stone-ROTOR

Che colpo Fabio Fazio! Il giornalista e conduttore ospiterà in esclusiva, nel suo salotto su Rai 3, la bellissima e straordinaria star di Hollywood Sharon Stone. L’attrice e attivista per i diritti umani presenterà nel talk show la sua  autobiografia “Il Bello di Vivere Due Volte”. Il libro sta avendo, nemmeno a dirlo, un successo internazionale straordinario: è uscito in libreria lo scorso 30 marzo in contemporanea mondiale lo scorso 30 marzo.

Che tempo che fa: anticipazioni 16 maggio. Super ospite Sharon Stone

Contiene la storia personale e professionale della Stone, che si racconta in modo autentico e molto intimo, pagina dopo pagina. Sharon Stone è da sempre sulla cresta dell’onda: la sua carriera nel cinema è stata ed è ricca di straordinari successi, ma anche dal punto di vista umano si è sempre distinta per le sue battaglie e per essere sempre stata in prima linea per chi è più debole e non può difendersi da solo.

La carriera di Sharon Stone

sharon-stone-fg-1903

A renderla un’icona sexy e a portarla alla ribalta internazionale all’inizio degli anni ’90 è stato il film “Basic Instinct”. Questo è stato solo il primo di una lunga serie di pellicole che l’hanno vista protagonista e che le hanno regalato soddisfazioni e premi. Qualche esempio? “Casinò” di Martin Scorsese, che le ha fruttato un Golden Globe e una nomination all’Oscar, “Gigolò per caso” di John Turturro , “Broken Flowers” di Jim Jarmusch. Al medagliere ha appeso anche un  Emmy Award per l’interpretazione nella serie “The Practice” e un Satellite Award per la miniserie “Mosaic”.


Potrebbe interessarti: Beautiful, Il Segreto e Una vita: anticipazioni oggi 14 marzo

La Stone e i diritti umani

sharon-stone-1024×576

Ma nella vita della Stone, come dicevamo, non c’è solo lavoro. I diritti umani sono per lei una vera e propria priorità oltre che mission di vita. Di recente l’attrice hollywoodiana ha ideato e lanciato la campagna internazionale per il “vaccino bene comune” insieme con Muhammad Yunus, Premio Nobel per la Pace 2006. Ha inoltre fondato con sua sorella Kelly l’associazione Planet Hope, che promuove attività per bambini senza fissa dimora di tutte le età e culture.

Sharon Stone sostiene anche il progetto “Città della Pace per i Bambini” nella nostra bella Italia, in Basilicata per la precisione, dove, anche grazie al suo aiuto, è stata costruita la prima casa per i bambini rifugiati. Insieme al Premio Nobel per la Pace Betty Williams, scomparsa a marzo 2020, l’attivista è stata insignita della Medaglia d’Oro al Merito della Croce Rossa Italiana proprio per questo progetti.

La Stone con il Dalai Lama

99-321218-000016

Sempre per il suo impegno nel sociale ha ricevuto nel 2013 il Nobel Peace Summit Award, che le è stato assegnato dai Premi Nobel per la Pace di tutto il mondo e ha ricevuto direttamente dalle mani del Dalai Lama. Ha ricevuto poi l’Harvard Humanitarian Award per celebrare i suoi dieci anni come so-stenitrice della ricerca sull’AIDS, il World Charity Award di Mikhail Gorbachev ai Women’s World Awards per i suoi sforzi filantropici, uno Spirit Award dal National Center for Lesbian Rights per il suo sostegno ai diritti civili LGBT e il Muhammad Ali Humanitarian Award per il suo sostegno alla ricerca sul morbo di Parkinson.

 

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica