Che tempo che fa, Burioni: Fase 2 molto pericolosa

27/04/2020

Fabio Fazio e il Vitologo Roberto Burioni commentano le decisioni del governo a proposito della Fase 2 della pandemia da Coronavirus e svela che la fase 2 potrebbe essere molto pericolosa

AC21F6D0-3A16-4FD9-A364-16F26EA16BC0

A Che tempo che fa, andato inonda ieri sera, domenica 26 aprile, su Rai 2,  Fabio Fazio ha avuto modo, insieme al vasto parterre di ospiti nel collegamento, di discutere e commentare il decreto del governo sulla “Fase 2” di questa emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da coronavirus. La domanda che si è posto il conduttore è la seguente: i tempi sono davvero maturi?

Fazio lo ha chiesto al suo ospite fisso in studio, il noto virologo Roberto Burioni, e ad alcuni ospiti il collegamento, tutti provenienti dal mondo della scienza e della medicina. Tutti hanno concordato sul fatto che, per ripartire, bisogna però non perdere di vista la questione salute e, soprattutto,  non si debba assolutamente perdere di vista quanto fatto fino ad ora, per evitare che si vengano a sviluppare nuovi e devastanti focolai.


Leggi anche: Carlo Conti e Fabio Fazio, quanto guadagnano?

Burioni frena gli entusiasmi sulla Fase 2

covid-19-4922384-1280 Pete Linforth da Pixabay

“C’è una scelta politica che ovviamente dobbiamo rispettare”, ha ammesso Burioni interloquendo con Fabio Fazio a Che tempo che fai. “Da virologo dico che riaprire potrebbe dare luogo a focolai di contagio”, mette in allarme, per questo motivo, aggiunge, “Dobbiamo essere non pronti ma prontissimi a individuarli e isolarli”.
“Da medico avrebbe tenuto una linea più prudente?”, gli chiede senza mezzi termini il conduttore, ma la risposta di per virologo va ben lontano dalla polemicae dà suggerimenti importanti: “Da medico dico che la vicinanza tra 2 persone può trasmettere il virus. Bisogna mantenere la distanza tra le persone e bisogna portare la mascherina”.

9BC88048-8FFF-4140-A5C4-71608281B4D2

Facendo un breve quadro di qanto scoperto in questi mesi, il medico precisa che “a febbraio non sapevamo dell’esistenza di molti asintomatici, ora lo sappiamo. Non entro sull’obbligo legale, ma da medico dico che tutti dovrebbero portare la mascherina”.

Descrivendo questi due lunghi mesi, da quando il 21 febbraio è stato scoperto il paziente 1 a Codogno, in provincia di Lodi, Burioni ribaspdisce che “abbiamo passato 2 mesi d’inferno perché il coronavirus si è diffuso nel nostro Paese senza che nessuno se ne accorgesse. Se non stiamo attenti, questo potrebbe accadere di nuovo”, dice il virologo. Che poi precisa: “Se questo virus si comporta come i suoi cugini, con il caldo dovrebbe sparire. Ma poi tornerebbe in autunno”. E per quel momento “non dovremo farci trovare impreparati”.


Potrebbe interessarti: Che tempo che fa: gli ospiti di oggi di Fabio Fazio

Silvia Tironi
  • Iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, elenco Professionisti
  • Laureata in Lettere
  • Esperta di: TV e Mondo dello spettacolo
  • Fonte Google News
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Vuoi restare aggiornato sulle notizie, le anticipazioni e le curiosità sul mondo del gossip e della TV? Registrati ora gratuitamente alla nostra newsletter