Che tempo che fa: Greta Thunberg ospite di Fabio Fazio

- 18/10/2020

Fabio Fazio ospita in esclusiva tv anche la giovane attivista svedese Greta Thunberg. Sarà presentato anche il documentario su di lei al cinema a novembre…

Schermata 2020-10-18 alle 19.12.52


Ci sarà anche Greta Thunberg tra gli ospiti di Che tempo che fa, il programma condotto da Fabio Fazio e in onda dalle 20.30 su Rai 3, dove il conduttore è tornato con il suo talk show dopo esser migrato prima su Rai 2 e poi su Rai 1 negli anni scorsi.

La giovane attivista svedese che ha dato vita al movimento globale Fridays for future che si batte a favore dello sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico, a soli 17 anni ha già ricevuto due nomination per il Premio Nobel per la Pace (nel 2019 e poi nel 2020), è stata inserita da Forbes nell’elenco delle 100 donne più potenti al mondo mentre la rivista Time l’ha messa in copertina come Persona dell’Anno 2019.


Leggi anche: Che tempo che fa, gli ospiti di Fabio Fazio: c’è anche Diletta Leotta

9F306DF2-F0F9-4667-BC4B-183778F42978

Qualora la Thunberg dovesse riuscire a ottenere il Premio Nobel per la Pace, risulterebbe la seconda persona più giovane di sempre a ricevere il premio dopo  l’attivista pakistana Malala Yousafzai, nota per essersi sempre battuta per i diritti delle donne e del diritto all’istruzione. La Yousafzai ha ricevuto il Nobel a soli 16 anni.

Durante l’ospitata in esclusiva tv si parlerà anche del documentario Greta di Nathan Grossman, presentato Fuori concorso alla 77esima Mostra di Venezia e che sarà al cinema il 2, 3 e 4 novembre. Il documentario racconta l’impegno per il clima della 17enne svedese, che Grossman ha seguito fin dal primissimo giorno di sciopero nel 2018.

Le richieste al premier Giuseppe Conte

giuseppe-conte-5

La Thunberg, insieme alle altre giovani colleghe attiviste per il clima Martina Comparelli, Luisa Neubauer e Adélaïde Charlier, sarà in videoconferenza lunedì 19 ottobre 2020 alle 18 con il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte. Le ragazze lanceranno un monito: bisogna incominciare a considerare l’emergenza climatica come una crisi.

Lo scorso mese di luglio le giovani attiviste avevano inviato ai leader del mondo una lettera aperta sottoscritta al momento da quasi 130.000 persone (https://climateemergencyeu.org/). Le indicazioni indicate della lettera dalle ragazze  saranno riproposte a Conte. Tra le richieste, lo stop a tutti gli investimenti nei combustibili fossili, una legge che renda l’ecocidio un crimine internazionale, e l’istituzione di budget annuali di carbonio vincolanti basati sui migliori dati scientifici disponibili.


Potrebbe interessarti: Che tempo che fa: tutti gli ospiti di Fabio Fazio

Commenti: Vedi tutto